Appello in favore dei Saharawi: continua la raccolta firme perché si attivi la diplomazia

03.02.2017

Appello in favore dei Saharawi: continua la raccolta firme perché si attivi la diplomazia

In concomitanza con l’avvio dell’anno in cui l’Italia siede nel Consiglio di sicurezza dell’Onu come membro non permanente, l’appello è stato presentato a Roma, nel gennaio scorso, da Simonetta Saliera presidente dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, dal senatore Stefano Vaccari presidente dell’Intergruppo parlamentare di amicizia con il popolo Saharawi e da Franco Iacop Presidente della Conferenza delle Assemblee legislative delle Regioni e Province autonome e del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia.

Tra i firmatari ci sono 33 parlamentari, 9 presidenti di Consigli regionali, 3 ambasciatori di Paesi stranieri. E ancora assessori e consiglieri in rappresentanza di una sessantina di Comuni, esponenti di associazioni e organizzazioni impegnate nella cooperazione internazionale e nell’accoglienza in Italia dei “piccoli ambasciatori di pace”. Nel lungo elenco anche le firme dei consiglieri regionali dell’Emilia-Romagna aderenti all’Intergruppo di amicizia del popolo Saharawi: Stefano Caliandro, Enrico Campedelli, Barbara Lori, Antonio Mumolo, Nadia Rossi, Silvia Prodi, Luca Sabattini, Luciana Serri, Ottavia Soncini, Marcella Zappaterradel Pd, Gabriele Delmonte della Lega nord e Igor Taruffi di Sel.

 “Con questa iniziativa -spiega la presidente Simonetta Saliera- si vuole sensibilizzare ulteriormente il Governo italiano perché in occasione della presenza dell’Italia nel Consiglio di sicurezza dell’Onu torni all’ordine del giorno il tema dell’autodeterminazione del popolo Saharawi”.

 Il documento indica 5 impegni in favore dei Saharawi - precisa il senatore Vaccari- che ci auguriamo il Governo italiano possa fare propri nel Consiglio di sicurezza: la soluzione della questione del Sahara occidentale, il mandato della missione Minurso, il rispetto diritti umani, la conservazione delle risorse naturali, l’incremento delle risorse dell’Alto commissariato per i rifugiati per sostentare coloro che vivono nei campi profughi.

 Il presidente Franco Iacop sottolinea che la partecipazione della Conferenza delle Assemblee legislative regionali rappresenta la voce delle comunità regionali e locali che sostengono l’appello al nostro Paese affinché si faccia portavoce nel Consiglio di sicurezza del diritto dei Saharawi all’autodeterminazione.

 

Firma l'appello

Azioni sul documento

Menu
Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?