Pace e diritti

I Premi Sakharov anno per anno

Il Premio Sakharov

ll "Premio Sakharov per la libertà di pensiero" è assegnato ogni anno dal Parlamento europeo. Istituito nel 1988, il premio intende riconoscere l’impegno di personalità o di gruppi di personalità che si sono distinti nella difesa dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali.
Ogni anno, intorno al 10 dicembre, il Parlamento europeo consegna il «Premio per la difesa dei diritti dell’uomo» nel corso di una seduta solenne a Strasburgo. La data corrisponde al giorno della firma della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo delle Nazioni Unite nel 1948.
Il Premio è stato assegnato in questi 25 anni sia ai singoli che ad associazioni tra cui: dissidenti, leader politici, giornalisti, avvocati, attivisti della società civile, scrittori, madri e mogli, un gruppo antiterrorista, pacifisti, leader di minoranza, un attivista contro la tortura, un prigioniero di coscienza, un regista, un vignettista, e un organismo internazionale.

Come funziona? Le nomine possono essere fatte da un gruppo politico del Parlamento europeo o da almeno 40 deputati. Le commissioni parlamentari degli affari esteri (AFET) e dello sviluppo (DEVE) votano per scegliere, tra le nomine, i tre finalisti. Poi, il vincitore viene scelto dalla Conferenza dei Presidenti.

Chi sono? scopriamolo anno per anno...

Andrej Sacharov, l'ispiratore del Premio

sacahrov ru

Un uomo che scoprì la bomba idrogeno e firmò contro i test nucleari.

Leggi la sua storia...

Va ad Aleksej Naval'nyj il premio Sakharov 2021

È andato all'attivista russo Aleksej Naval'nyj il premio Sakharov 2021 per i diritti umani conferito dal Parlamento Europeo il 20 ottobre. Leggi...

L’opposizione democratica bielorussa riceve il Premio Sakharov 2020

Il Premio Sakharov 2020 per la libertà di pensiero è stato assegnato all'opposizione democratica in Bielorussia, rappresentata da SvetlanaTikhanovskaya e Veronika Tsepkala. A consegnarlo è stato il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli durante la Plenaria del 16 dicembre a Bruxelles. Leggi...

Ilham Tohti, Premio Sakharov 2019

Ilham Tohti.jpgIlham Tohti, vincitore del Premio Sakharov 2019, è un economista uiguro nato nel 1969 nella Regione autonoma uigura di Xinjiang, in Cina. Ha studiato all’Università  Cinese di Minzu, e fino al giorno del suo arresto nel gennaio 2014 ha tenuto lezioni alla Central University for Nationalities di Pechino. Il suo lavoro si è concentrato principalmente sui rapporti tra la minoranza uigura e i cinesi di Han che convivono nella regione di Xinjiang, ed in particolare sulle violazioni dei diritti umani subite dai primi. Leggi...

Oleg Sentsov, Premio Sakharov 2018

Oleg Sentsov, premio Sacharov 2018

 Oleg Sentsov, vincitore del Premio Sakharov 2018  è un regista e scrittore ucraino, aperto oppositore dell'annessione della Crimea da parte della Russia.
Il 10 maggio 2014 è stato arrestato a Simferopol, Crimea, con l'accusa di aver progettato atti terroristici contro il dominio "de facto" della Russia in Crimea.   Leggi ....
© Sergei Venyavsky/Getty Image

L'opposizione in Venezuela, Premio Sakharov 2017

Julio Borges, presidente dell’Assemblea nazionale venezuelana “Il premio è per tutti quelli che lottano per i diritti umani in Venezuela, per i giornalisti che rischiano la vita per mostrare una realtà che si vuole far tacere". Nel marzo 2017 la Corte suprema ha tolto il potere legislativo all'Assemblea nazionale eletta democraticamente.   Leggi...

 

Nadia Murad Basee Taha e Lamiya Aji Bashar, le yazide, Premio 2016

Nadia e  Lamiya sono sopravvissute alla schiavizzazione sessuale da parte dello Stato islamico (IS), diventando portavoce delle donne colpite dalla campagna di violenza sessuale dell'IS.
Leggi la loro storia...

Raif Badawi, il blogger, Premio 2015

Reif badawiRaif Badawi è un giovane blogger, scrittore e attivista saudita, fondatore del sito web laico e indipendente "Free Saudi Liberals", un forum online per il dibattito a sfondo religioso e politico.

Leggi la sua storia ...

 

Denis Mukwege, il medico delle donne, Premio 2014

ritrattoIl medico congolese che ricostruisce i corpi e le vite delle donne congolesi, vittime di stupri collettivi e di brutali violenze sessuali nella guerra in Congo.

Leggi la sua storia....

Malala Yousafzai, la ragazza pakistana, Premio 2013

malala primo piano

La sedicenne pakistana che impugnando una penna fa paura ai talebani.

Leggi la sua storia...

 

 

Jafar Panahi il regista e Nasrin Sotoudeh l'avvocatessa, Premio 2012

jaf e nasIl regista che non può più fare il regista nel suo paese (e che ha appena girato il film "Taxi Teheran") premiato nel 2012 insieme all'avvocatessa che non può più fare l'avvocatessa, sua connazionale, Nasrin Sotoudeh.

Leggi la sua storia...

Guillermo Fariñas, il cubano che digiunò per 130 giorni, Premio 2010

giornalistaGuillermo Fariñas, ex soldato e giornalista cubano: ha fatto 23 scioperi della fame per far conoscere le leggi repressive di Cuba. Uno di questi è durato 130 giorni.

Leggi la sua storia...

« ottobre 2021 »
ottobre
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Video sul Premio Sakharov
Tutti i vincitori del Premio Sakharov

Sul sito web del Parlamento europeo l'elenco di tutti i vincitori anno per anno. Leggi

La Primavera Araba, Premio 2011

primavera arabaI 5 rappresentanti del mondo arabo che hanno contribuito alla Primavera Araba: Asmaa Mahfouz (Egitto), Ahmed al-Zubair Ahmed al-Sanusi (Libia), Razan Zaitouneh (Siria), Ali Farzat (Siria) e Mohamed Bouazizi (Tunisia).

Leggi la loro storia...

I giornalisti bielorussi, Premio 2004

giornalistaAnche i gruppi ricevono i premi: l'associazione bielorussa dei giornalisti difende da sempre i diritti di chi si batte per la libertà di stampa - e la Bielorussia è nella top ten dei paesi più censurati. Leggi la loro storia...

Aung San Suu Kyi esclusa dalla comunità dei vincitori del Premio Sacharov

10/9/2020: Il Parlamento europeo ha escluso formalmente Aung San Suu Kyi da tutte le attività dei vincitori del Premio Comunità Sacharov a causa della sua incapacità di agire e alla sua accettazione dei crimini in corso contro la comunità Rohingya in Myanmar. Leggi di più 

Azioni sul documento

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?