Polenta, Rucola e Squacquerone (Pulenta, Rocla e Tumè)

PolentaLa Polenta, rucola e squacquerone (Pulenta, rocla e tumè), è una ricetta della campagna faentina, più precisamente della Parrocchia di Sant'Andrea in Panigale, così chiamata perché situata nelle zone paludose ove si coltivava il panico e che esisteva già come centro abitato ed adibito a culto ben 1300 anni fa. È un piatto unico ideale per le giornate ancora fresche.

Ingredienti (per 4 persone)
500 g di farina gialla
acqua
sale
500 g circa di squacquerone
2 pugni di rucola
pane
uova
olio

Preparazione: cuocete la polenta con acqua e sale, sempre mescolando, per circa 45 minuti. Quando è pronta, stendetela su un piano di marmo precedentemente unto e lasciatela raffreddare. Tagliatela poi a grandi fette (circa 15x5 cm) e impanatele, passandole prima nell'uovo e poi nel pangrattato. Friggete le fette di polenta nell'olio bollente (un tempo si friggevano nello strutto), quindi spalmatele, ancora ben calde, con il formaggio squacquerone e guarnite con la rucola spezzettata. Da accompagnare con un buon Trebbiano di Romagna.

 

 

Il salotto

Il salotto  secondo l'artista Tisselli

Stanza degli ospiti

Le storie

La biblioteca

Stanza della musica

Stanza della musica

Stanza della musica

Stanza dei ragazzi

Stanza dei ragazzi

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?