Saba e Savor

Saba

 

La saba o sapa e il savor sono entrambi prodotti nella stagione di vendemmia quando il mosto scorre a fiumi nelle cantine della nostra regione. Cosa sia la Saba o Sapa lo facciamo spiegare al nostro gastronomo Pellegrino Artusi che nel suo intramontabile libro La scienza in cucina e l’arte di mangiare bene, propone diverse ricette che vedono questo ingrediente.

Come si prepara è presto detto: "La sapa, ch'altro non è se non un siroppo d'uva, può servire in cucina a diversi usi poiché ha un gusto speciale che si addice in alcuni piatti. È poi sempre gradita ai bambini che nell'inverno, con essa e colla neve di fresco caduta, possono improvvisar dei sorbetti. Ammostate dell'uva bianca, possibilmente di vigna, di buona qualità e ben matura, e quando sarà in fermentazione da circa ventiquattr'ore, estraetene il mosto e passatelo da un canovaccio. Mettete questo mosto al fuoco e fatelo bollire per molte ore fino a consistenza di siroppo, che conserverete in bottiglie".

Per la “Saba dell’Emilia Romagna” (che nel riminese e cesenate viene chiamata Sapa) è stato richiesto il marchio di Indicazione Geografica Protetta. Sul sito della Strada dei vini e dei sapori dei colli di Forlì e Cesena, troviamo un’altra ricetta per questo ottimo sciroppo d’uva che “ si ottiene dal mosto appena pronto, d'uva bianca (soprattutto trebbiano) o rossa, immesso in un paiolo di rame unitamente a mezza dozzina di noci con il guscio che rivoltandosi nel lento bollire aiutano il mosto a non attaccarsi al fondo del recipiente. La saba è pronta quando si sarà ridotta ad un terzo della sua quantità iniziale. Durante la bollitura che durerà da 6 a 10 ore circa è necessaria la schiumatura e la rimescolatura da farsi con un lungo mestolone di legno. Lasciare poi raffreddare e depositare prima di essere imbottigliata e ulteriormente maturata e conservata in dispensa. Il suo utilizzo è il più vario: serve a condire fagioli, ceci e castagne; per bagnare dolci, ravioli, tortelli e crostate; per impastare il ripieno dei tortelli dolci; per insaporire il pane e la polenta; per creare, mescolandola alla neve fresca quando ancora se ne vede dei deliziosi sorbetti; infine per preparare savor e sabadoni”.

Ed eccoci quindi al Savor, anche questo un prodotto antico, tradizionalissimo e diffuso in tutta la regione. Come ci spiega bene la brava gastronoma Anna Gosetti della Salda nel suo prezioso libro di cucina regionale italiana, il savor è una preparazione tipica dei mesi autunnali, ha diverse varianti ed è usato per accompagnare i bolliti, come ingrediente del Pane di Natale e ripieno di dolci come i ravioli al forno o fritti e nel reggiano nel ripieno dei tortelli di zucca o con la polenta calda.

Vediamo la ricetta: Pere, mele, pesche, cotogne, zucca 500gr di ognuna per un totale di 2kg e mezzo e altri 2kg e mezzo di mosto fresco. Alla ricetta base del savor possono poi essere aggiunti scorze d’arancia e di limone (come nella versione tradizionale modenese che non contempla però l’uso della zucca), melone bianco, gherigli di noce… Come si fa? Pelare tutta la frutta e la zucca e tagliarla a pezzetti metterla in un pentolone, non di alluminio, e unire il mosto. Mettere il coperchio e fare cuocere a fuoco lentissimo per circa 4 ore, rimestando di sovente. Dopo la cottura conservarlo nei vasetti come una comune marmellata.

Il salotto

Il salotto  secondo l'artista Tisselli

Stanza degli ospiti

Le storie

La biblioteca

Stanza della musica

Stanza della musica

Stanza della musica

Stanza dei ragazzi

Stanza dei ragazzi

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?