La Zuppa Tartara dell’Artusi

Zuppa TartaraLa Zuppa Tartara è una ricetta dell’Artusi. Si tratta di una preparazione facile, buonissima e leggera, una ricetta senza tempo che non si direbbe neppure uscita dalla penna di un gastronomo dell’Ottocento.

Cosa occorre?
200 gr di ricotta
due cucchiai di latte
30 gr di zucchero a velo
due prese di cannella
un pacchetto di savoiardi (del tipo zuccherato in superfice e croccante non quelli più molli da tiramisu o zuppa inglese)
alchermes o rosolio
marmellata (io consiglio quella di frutti di bosco)

Montate la ricotta con le fruste, aggiungendo un goccio di latte, lo zucchero a velo e due prese di cannella in polvere.

Usate come stampo una terrina non troppo grande, foderatela con la pellicola trasparente (questo vi aiuterà a servire meglio il dolce). Bagnate i savoiardi nell’alchermes e fate uno strato sul fondo, spalmatevi sopra abbondante marmellata e successivamente la ricotta. Fate un altro strato di savoiardi bagnati e ancora marmellata e ricotta, fino alla fine degli ingredienti. Fate in modo di terminare con uno strato di biscotti.
Mettete il dolce il frigo per diverse ore, anche tutta la notte. La Zuppa Tartara è ancora più buona servita il giorno dopo che la si è fatta.

Artusi consiglia che “ La ricotta si può rammorbidire col rosolio di cedro, invece del latte, e allora non occorre la cannella”. Una bella idea, peccato che non sia tanto facile trovare il rosolio di cedro!

Il salotto

Il salotto  secondo l'artista Tisselli

Stanza degli ospiti

Le storie

La biblioteca

Stanza della musica

Stanza della musica

Stanza della musica

Stanza dei ragazzi

Stanza dei ragazzi

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?