Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Il sito ufficiale dell’Assemblea legislativa

Sezioni

L'Assemblea in Europa

La partecipazione ai processi decisionali europei

Per attuare le politiche dell’Unione europea, le Istituzioni europee adottano gli atti giuridici necessari in base alle regole e alle procedure stabilite nei Trattati. In generale, la Commissione europea propone gli atti legislativi che sono successivamente approvati dal Parlamento europeo, eletto direttamente dai cittadini europei, insieme al Consiglio UE. Questo meccanismo si definisce processo decisionale dell’Unione europea.

La partecipazione regionale ai processi decisionali europei si riferisce, quindi, al ruolo svolto dalle Regioni in questo processo. Le Regioni possono partecipare ai processi decisionali dell’Unione europea in modo diretto o indiretto. La prima modalità è prevista nella legge n. 131 del 2003 per la quale le Regioni concorrono direttamente, nelle materie di loro competenza legislativa, alla formazione degli atti dell’Unione europea partecipando, nell’ambito delle delegazioni del Governo italiano, alle attività del Consiglio e della Commissione europea.

La modalità indiretta è invece disciplinata dalla legge 234 del 2012 e prevede che le Regioni partecipino ai processi decisionali dell’UE contribuendo alla elaborazione degli indirizzi e della posizione dell’Italia che il Governo andrà poi a sostenere in sede europea. Questa modalità è quella più utilizzata dalle Regioni che, attraverso l’elaborazione di una propria posizione sugli atti e le iniziative dell’UE, sono in grado di partecipare attivamente alle diverse fasi che portano all’adozione degli atti europei. Ciò avviene non solo attraverso la partecipazione alla definizione della posizione italiana ma anche, in collaborazione con il Parlamento nazionale, attraverso la verifica del rispetto del principio di sussidiarietà e proporzionalità e la partecipazione al “dialogo politico” con le Istituzioni europee. La legge 28 luglio 2008, n. 16 della Regione Emilia-Romagna regola i rapporti tra Assemblea legislativa e Giunta regionale con l’obiettivo di dare piena attuazione a quanto sopra descritto.

Azioni sul documento