La partecipazione ai processi europei

Per attuare le politiche dell'Unione europea, le istituzioni europee adottano gli atti giuridici necessari in base alle regole e alle procedure stabilite nei Trattati. In generale, la Commissione europea propone gli atti legislativi che sono successivamente approvati dal Parlamento europeo, eletto direttamente dai cittadini europei, insieme al Consiglio Ue. Questo meccanismo si definisce processo decisionale dell'Unione europea e le Regioni possono parteciparvi in modo diretto o indiretto.

Modalità diretta

La prevede la legge 131 del 2003, per la quale le Regioni concorrono direttamente, nelle materie di loro competenza legislativa, alla formazione degli atti dell’Unione europea partecipando, nell'ambito delle delegazioni del Governo italiano, alle attività del Consiglio e della Commissione europea.

Modalità indiretta

Disciplinata dalla legge 234 del 2012, prevede che le Regioni partecipino attivamente ai processi decisionali dell'Unione contribuendo alla elaborazione degli indirizzi e della posizione dell'Italia su atti e iniziative dell'Ue: una posizione che il Governo andrà poi a sostenere in sede europea. Questo avviene anche, in collaborazione con il Parlamento nazionale, attraverso la verifica del rispetto del principio di sussidiarietà e proporzionalità, nonché partecipando al "dialogo politico" con le istituzioni europee.

In Emilia-Romagna è la legge 16 del 2008regolare i rapporti tra Assemblea e Giunta in materia di partecipazione alla formazione e attuazione delle politiche e del diritto comunitario.

 

Cos'è la Sessione europea?

La Sessione europea dell'Assemblea è il momento di sintesi annuale della partecipazione alla formazione e attuazione delle politiche e del diritto comunitario. Si svolge ogni anno, coinvolge tutte le commissioni e si conclude con una seduta solenne in cui l'Assemblea legislativa approva la risoluzione di indirizzo alla Giunta regionale.

Si tratta di un momento di riflessione politica su ciò che la Regione ha fatto (fase discendente) e su ciò che intende fare (fase ascendente) riguardo le iniziative preannunciate dalla Commissione europea, con particolare attenzione a quelle di interesse per il territorio emiliano-romagnolo.

Per saperne di più

Sessione europea 2019

A conclusione della seduta di venerdì 29 marzo 2019 è stata approvata la risoluzione "Sessione europea 2019. Indirizzi relativi alla partecipazione della Regione Emilia-Romagna alla fase ascendente e discendente del diritto dell’Unione europea".

Per leggere il testo definitivo della risoluzione, approfondire tutti gli atti e i resoconti di Aula e Commissioni e seguire le diverse fasi dei lavori consulta la sezione dedicata alla Sessione europea 2019.

Sessioni precedenti

In questa sezione è possibile seguire, attraverso gli atti prodotti e i resoconti delle attività dell'Aula e delle commissioni, le diverse fasi dei lavori delle Sessioni europee dell'Assemblea legislativa degli scorsi anni:

Azioni sul documento

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?