L'Assemblea in Europa

La Regione Emilia-Romagna partecipa alla formazione e attuazione delle politiche e delle normative dell'Unione europea. Il cuore di questa attività è la Sessione europea dell'Assemblea legislativa che si svolge ogni anno, con il coinvolgimento di tutte le commissioni assembleari per le materie di loro competenza e in raccordo con l'esecutivo regionale. La Sessione si conclude con l'approvazione di una risoluzione di indirizzo alla Giunta che costituisce il "piano di lavoro" della Regione per l'anno successivo.

Questa sezione del sito si rivolge, quindi, a chiunque sia interessato ad avere un quadro completo di quanto già fatto in questi anni e di quanto si continua a fare per migliorare la partecipazione della Regione ai processi decisionali europei e l'attuazione delle politiche e del diritto europeo, mettendo a disposizione gli atti prodotti e la relativa documentazione e informando in tempo reale sulle iniziative future.

La partecipazione ai processi europei

Le Regioni hanno un ruolo fondamentale nel processo decisionale dell'Unione europea e possono partecipare in modo diretto o indiretto. Possono concorrere direttamente alla formazione degli atti dell'Unione europea partecipando alle attività del Consiglio e della Commissione europea, ma soprattutto contribuiscono, indirettamente, all'elaborazione degli indirizzi e della posizione dell'Italia che il Governo e il Parlamento andranno poi a sostenere in sede europea. Per saperne di più

Progetti

Progetti Europa

In questa sezione puoi trovare le informazioni sui "Viaggi attraverso l'Europa", finanziati dall'Assemblea legislativa con l'obiettivo di diffondere tra i giovani la conoscenza del percorso di integrazione europea e il senso di appartenenza all'Europa:

Vai ai progetti

Notizie

La Regione Puglia ha risposto alla Consultazione dell’UE sull’adeguatezza della Direttiva Quadro Acque e della Direttiva sulle alluvioni.

La Regione Puglia, con la risoluzione n. 3 del 9 maggio 2019 della VI Commissione consiliare, si è espressa in risposta alla consultazione pubblica promossa dalla Commissione europea sulla Direttiva 2000/60/CE che istituisce un quadro per l'azione comunitaria in materia di acque (e  sulle direttive ad essa collegate sulle acque sotterranee e sugli standard di qualità ambientale), sulla Direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni e sulla Direttiva 91/271/CE sul trattamento delle acque reflue urbane.
La Regione Puglia, con la risoluzione n. 3 del 9 maggio 2019 della VI Commissione consiliare, si è espressa in risposta alla consultazione pubblica promossa dalla Commissione europea sulla Direttiva 2000/60/CE che istituisce un quadro per l'azione comunitaria in materia di acque (e sulle direttive ad essa collegate sulle acque sotterranee e sugli standard di qualità ambientale), sulla Direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni e sulla Direttiva 91/271/CE sul trattamento delle acque reflue urbane.

Il Senato della Repubblica approva in terza lettura la Legge europea 2018

Dopo l'approvazione con modifiche da parte della Camera in seconda lettura il 12 marzo scorso, il disegno di legge "Disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea – Legge europea 2018", è tornato al Senato della Repubblica dove è stato approvato in via definitiva il 16 aprile.
Dopo l'approvazione con modifiche da parte della Camera in seconda lettura il 12 marzo scorso, il disegno di legge "Disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea – Legge europea 2018", è tornato al Senato della Repubblica dove è stato approvato in via definitiva il 16 aprile.
Tutte le notizie

Azioni sul documento

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?