Diritti e doveri dei minori detenuti

12.06.2013

Diritti e doveri dei minori detenuti

“Liberiamo i diritti, impariamo a conoscere i nostri doveri”, è il titolo del progetto promosso dal Garante per le persone private della libertà personale edal Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione, rispettivamente Desi Bruno e Luigi Fadiga. Gestito dall’Associazione U.V.A.P.Ass.A. - in collaborazione con il Centro di giustizia minorile dell’Emilia-Romagna, le direzioni dell’Istituto penale minorenni, della Comunità ministeriale e dell’Ufficio servizio sociali minorili – il progetto è finalizzato a sensibilizzare i ragazzi ristretti alla cultura dei diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione, ma anche al tema dei doveri e delle responsabilità.

 

Venerdì scorso, all’Istituto penale minorile di via del Pratello, a Bologna, Desi Bruno ha parlato dei diritti dei minori detenuti nel contesto del procedimento penale minorile; venerdì prossimo – 14 giugno - la Garante parlerà del medesimo tema ai ragazzi collocati nella Comunità ministeriale e nel Centro di prima accoglienza. Alla data del 7 giugno, risultavano essere presenti all’Istituto penale “Pietro Siciliani” 17 ragazzi, di cui 8 giovani adulti (in età compresa fra i 18 e i 21 anni, che hanno commesso il reato da minorenni). Permane la volontà condivisa fra Garante e direzione del Pratello di collaborare ai fini dell’istituzione presso l’Istituto di uno sportello giuridico-informativo dedicato all’ascolto e all’informazione dei ragazzi, con una particolare attenzione alla condizione degli stranieri - per la gran parte senza una solida rete di riferimento e senza un titolo di soggiorno valido - per i quali si pone il problema della difficile regolarizzazione (nell’anno 2012 la percentuale degli ingressi in istituto dei cittadini stranieri è stata del 77,7%, di cui l’88,75% extracomunitario).

 

Notizie positive sul fronte dei lavori di ristrutturazione dell’area cortiliva e della parte esterna dell’Istituto: dopo un decennio dall’inizio dell’opera di riqualificazione dell’intera struttura, questi lavori non sono ancora completati ma, secondo quanto riferito dal direttore Alfonso Paggiarino, lo saranno alla fine dell’estate. A margine dell’incontro, i ragazzi del Pratello sono stati premiati con una telecamera: hanno vinto una sezione del “Concorso di idee per non professionisti”, ideato e promosso dall’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, con il video “Tracce costituenti”, che affronta in maniera originale il tema dei diritti per chi si trova nella condizione di minore privato della libertà personale.

 

 

Azioni sul documento

Informazioni

Settore Diritti dei cittadini
Viale Aldo Moro, 50
40127 Bologna
Contatti
Fax 051 527.5461
Scrivici:  -