Legalità ed. 2022-2023

conCittadini è il progetto di Educazione alla cittadinanza dell'Assemblea legislativa, che ogni anno coinvolge decine di migliaia di ragazzi, attraverso scuole, enti locali e associazioni che promuovono singoli progetti sui temi della Memoria, dei Diritti, della Legalità.

Per saperne di più

I progetti di conCittadini che promuovono il tema della Legalità possono avere focus diversi:

  • la responsabilità individuale e le regole condivise 
  • la cultura dell’antimafia 
  • Le organizzazioni criminali di tipo mafioso
  • le istituzioni
  • Il lavoro nell’ottica della legalità
I progetti

 

Eventi

Legalità. “Il trentennale delle stragi mafiose”, seminario online con Maria Falcone per conCittadini

L’iniziativa, organizzata dall’Assemblea legislativa con l’associazione Cortocircuito, si è tenuta venerdì 28 ottobre


A trent’anni dalla strage di Capaci e dalla strage di via D’Amelio, l’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, nell’ambito del progetto conCittadini e con l’associazione antimafia Cortocircuito, ha organizzato per venerdì 28 ottobre, dalle 10.30 alle 12, il seminario online “Il trentennale delle stragi mafiose. Come praticare nel quotidiano i principi ereditati dalle figure esemplari che persero la vita nel 1992”, che prevede la partecipazione della professoressa Maria Falcone, Presidente della Fondazione Falcone e autrice del libro “L’eredità di un giudice. Trent’anni in nome in nome di mio fratello Giovanni”.

L’incontro formativo online - moderato da Elia Minari, giurista e scrittore, fondatore dell’Associazione antimafia Cortocircuito - aveva la finalità di trasmettere in modo concreto la memoria delle stragi del 1992 nelle quali persero la vita i magistrati Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e gli uomini delle loro scorte. Un appuntamento importante per commemorare i due giudici simbolo della lotta contro la mafia e per ricordarli come dei primi inter pares, che hanno lavorato per un risveglio collettivo delle coscienze, lasciando alla società di oggi idee da portare avanti con coraggio e convinzione. 

L’evento ha inteso dimostrare cosa possa fare anche chi non è magistrato, politico o poliziotto e a far sentire protagonista chi, con rassegnazione, si senta relegato al semplice e passivo ruolo di spettatore. Il diniego alle mafie dipende anche dalla capacità di far camminare, attraverso le gambe di ogni cittadino, delle attive e concrete manifestazioni di cittadinanza attiva. Falcone e Borsellino hanno lasciato un solco di legalità che sta a tutti noi coltivare.

Luogoonline piattaforma Zoom

 

Per approfondire

 Vedi anche gli approfondimenti curati da Libera Bologna:

Azioni sul documento