A chi si rivolge

Al Difensore civico può rivolgersi chiunque si ritenga danneggiato nei suoi diritti e interessi da comportamenti o atti di un’amministrazione pubblicao da un concessionario di servizi pubblici operante nel territorio regionale (Enel, Hera, ecc).

Il servizio è completamente gratuito e aperto a tutti, senza distinzione di età, provenienza o altro. Possono rivolgersi al Difensore sia cittadini residenti che gli stranieri, in forma singola o associata, e per chiedere l'intervento non sono necessarie particolari formalità.

Il Difensore ha il compito di tutelare i diritti di tutte le persone e degli altri soggetti della società civile (associazioni, imprese, comitati) presenti sul territorio.

L’unica limitazione riguarda l’ambito di intervento. Il Difensore civico può infatti intervenire solo rispetto a provvedimenti, fatti o comportamenti messi in campo:

    • dall'Amministrazione regionale
    • dagli enti, dagli istituti, dai consorzi, dalle agenzie e dalle aziende che dipendono o sono sottoposte a vigilanza o a controllo regionale;
    • dalle Aziende Unità sanitarie locali e ospedaliere;
    • dai concessionari o gestori di servizi pubblici regionali, ad esempio di acqua, luce e gas;
    • dagli Enti locali convenzionati.


Sono quindi escluse alcune istituzioni, come le Forze dell’ordine, l’esercito e la magistratura, e tutto il settore privato, compresi i rapporti di lavoro. Il Difensore può invece attivarsi nei confronti delle amministrazioni periferiche dello Stato, come INPS, INAIL, ecc.

 

 

Azioni sul documento

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?