Rete europea e mediatore

rete-difensore

Il Difensore civico, o un’analoga autorità di garanzia, è presente in tutti i Paesi europei e in molti altri Paesi del mondo.

Nel linguaggio internazionale è chiamato anche Ombudsman (paesi anglosassoni e scandinavi), Médiateur (paesi francofoni), Sindic de Greuges (Spagna – Catalogna), Defensor del Pueblo (paesi di lingua spagnola – castigliana), Provedor de Justiça (Portogallo). 

La rete europea dei Difensori civici si compone di oltre 99 uffici in 35 paesi europei. Comprende i Difensori civici nazionali, regionali e organi analoghi degli Stati membri dell'Unione europea, dei Paesi candidati e di alcuni altri Stati europei. Ne fanno parte anche il Mediatore europeo e la Commissione per le petizioni del Parlamento europeo.

Mediatore

Mediatore europeo

Anche l'Unione europea ha un proprio Difensore civico, il Mediatore europeo. Istituito dal Trattato di Maastricht, il Mediatore europeo ha il compito di garantire i diritti dei cittadini nei casi di cattiva amministrazione da parte delle Istituzioni e degli Organi comunitari, fatta eccezione per la Corte di Giustizia delle Comunità europee e il Tribunale di primo grado nell'esercizio delle loro funzioni giurisdizionali.

Possono presentare un reclamo al Mediatore europeo tutti i cittadini o i residenti in uno qualsiasi degli Stati membri, le imprese, le associazioni e altri organismi con sede legale nell’UE. Il reclamo può essere presentato anche per il tramite del Difensore civico regionale. Il modulo è disponibile a questa pagina.

Il Mediatore europeo non può intervenire nei casi riguardanti le Amministrazioni nazionali, regionali o locali degli Stati membri.

L'attuale Mediatore Europeo è Emily O'Reilly, eletta dal Parlamento europeo nella seduta del 3 luglio 2013; resterà in carica fino alla fine della legislatura nel 2019. Il suo mandato è rinnovabile (art. 138 del trattato CE).

 

Azioni sul documento

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?