Conferenza nazionale

Dal 1994 è attivo il Coordinamento nazionale dei Difensori civici delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano. 

Si tratta di un organismo associativo che opera per la diffusione e la valorizzazione del ruolo istituzionale della difesa civica.

Il Coordinamento, di cui fa parte anche il Difensore civico regionale, ha il compito di:

  • garantire a tutti i cittadini, indipendentemente dalla loro residenza, adeguate forme di tutela nei confronti della pubblica amministrazione ad ogni livello (statale, regionale, locale);
  • promuovere la piena affermazione dei diritti fondamentali della persona previsti dall'ordinamento italiano e dalle risoluzioni europee e internazionali;
  • sviluppare i collegamenti con il Mediatore Europeo e con gli Ombudsman dell’Unione;
  • sviluppare in ogni regione italiana attività di coordinamento con i Difensori civici istituiti da Province, Comuni e Comunità montane, per favorire la diffusione della difesa civica sul territorio nazionale e la crescita degli standard di tutela dei diritti soggettivi e degli interessi diffusi;
  • potenziare i raccordi con il Parlamento e con il Governo, anche attraverso la Conferenza Stato-Regioni-Autonomie e la Conferenza dei Presidenti dell'Assemblea, dei Consigli regionali e delle Province autonome;
  • promuovere iniziative di studio e di ricerca, con particolare riferimento alla pubblica amministrazione, alla giustizia amministrativa e al ruolo della difesa civica istituzionale delle Regioni e degli Enti locali.


Il Coordinamento ha sede a Roma presso la Conferenza dei Presidenti dell'Assemblea Consigli regionali e delle Province autonome. Opera attraverso la Segreteria di un Difensore civico di volta in volta eletto collegialmente.

Dal febbraio 2019 il Presidente della Conferenza è il Difensore civico della Regione Marche, Andrea Nobili. Vice presidenti della Conferenza sono il difensore civico della Regione Autonoma Val d'Aosta, Enrico Formento Dojot, e il difensore civico della Provincia Autonoma di Trento, Daniela Longo

Al pari dei Difensori civici regionali e delle Province autonome, il Coordinamento redige un rapporto sulle attività. L'ultimo è quello relativo agli anni 2014/2015. Oltre a presentare i dati relativi alle istanze, il rapporto prospetta l'istituzione di un Ufficio nazionale della Difesa civica, strutturato territorialmente e dotato di adeguati poteri persuasori, come occasione per offrire nuove occasioni di tutela indiretta, in forma alternativa rispetto al sistema delle magistrature giudicanti. 

 

Azioni sul documento

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?