Seguici su

Missione a New York: nuove prospettive di collaborazione e nuove sinergie

Il terzo giorno della Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo a New York, con la delegazione della Regione Emilia-Romagna e dell'Assemblea legislativa regionale: la visita all'Istituto italiano di cultura e della scuola Guglielmo Marconi e l'incontro con le nostre associazioni
Missione a New York: nuove prospettive di collaborazione e nuove sinergie

 

La terza giornata di missione della Consulta degli ER nel mondo a New York si è aperta con l'incontro con Fabio Finotti, direttore dell’Istituto italiano di cultura di New York.

Durante la riunione con l'importante Istituto culturale, il presidente della Consulta ha illustrato i numerosi progetti culturali sostenuti negli anni attraverso i bandi rivolti ad Associazioni, enti locali, scuole e associazioni di emiliano-romagnoli nel mondo, progettualità che da qualche anno trovano ospitalità su Migrer, il Museo virtuale dell’emigrazione emiliano-romagnola nel mondo. Secondo il Presidente Fabbri, questi progetti potrebbero vedere un maggiore coinvolgimento dell’Istituto Italiano di Cultura, attraverso le nostre associazioni e Comunità residenti a New York. 

Il Direttore Finotti ha sottolineato l'importanza delle progettualità nella definizione di una rappresentazione del nostro Paese all'estero che possa contribuire alla crescita di un settore cruciale per l'Italia come quello della cultura. Proprio su questo punto, la Vicepresidente Stragliati ha suggerito la possibilità di organizzare alcune mostre artistiche e di approfondimento culturale in collaborazione con l’IIC con l’obiettivo di promuovere all’estero il nostro ricchissimo patrimonio culturale. Anche la Presidente dell'Assemblea legislativa, Emma Petitti, ha raccontato le numerose mostre ed iniziative culturali ospitate dall’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, che potrebbero essere condivise e organizzate in collaborazione anche con l’Istituto Italiano di Cultura.

A seguire, si è svolta la visita alla Scuola italiana Guglielmo Marconi di New York, fondata nel 1976 e che si caratterizza per essere un Istituto che accompagna ragazzi e ragazze discendenti da italiani o che vogliono avere un'educazione bilingue di alto livello dalla scuola materna fino alla maturità. Ad accogliere la delegazione di Consulta e Assemblea legislativa erano presenti il direttore Michael Prater e la professoressa Stefania Stipo.  Durante l’incontro, il Presidente Fabbri, ha evidenziato come il fenomeno migratorio sia notevolmente cambiato perché i giovani oggi non partono per gli stessi motivi di 50 o più anni fa, scappando da una situazione economica precaria, ma per cercare nuove e migliori opportunità  professionali e di vita fuori dal proprio Paese. Per Stragliati è motivo di orgoglio per il nostro Paese che le famiglie di questi ragazzi e queste ragazze abbiano scelto una scuola italiana. “Voi siete giovani, anche io ho iniziato a fare politica da giovane e a lavorare anche come psicologa con i ragazzi e le ragazze, per questo vi dico di essere sempre protagonisti della vostra storia”. Anche la Presidente Petitti ha sottolineato come momenti come questo “possano servire per costruire ponti con le diverse realtà del mondo soprattutto con i giovani che rappresentano l'investimento migliore per il futuro. Ringraziamo anche gli insegnanti per l'importante lavoro che fanno. In bocca al lupo per i vostri esami. Dovete avere fiducia nel futuro!”. E dopo gli interventi istituzionali, la parola è stata data Giorgio e Giulia, due studenti dell’ultimo anno di scuola, che hanno detto di sentirsi orgogliosi di questa scelta di frequentare una scuola di lingua italiana.

Infine la giornata si è chiusa con la cena in compagnia dei Presidente e dei Vicepresidenti delle nostre associazioni di emiliano-romagnoli nel mondo, con i quali ci si è confrontati sul futuro delle associazioni di emiliano romagnoli a New York e in generale nel mondo, e, in particolar modo, dell’importanza di riuscire ad intercettare e coinvolgere i ragazzi e le ragazze più giovani, perché il grande lavoro delle nostre Comunità nel mondo possa continuare e possa trovare nuove energie ed evolvere in un mondo in continuo mutamento.

Oggi, 15 giugno, si terranno ancora  ancora 2 incontri fondamentali prima di ripartire per l’Italia: il primo con Riccardo Costa, eletto alla fine del 2021 all’interno del Comites, e il secondo con Silvana Mangione, Vice Segretario Generale per i Paesi Anglofoni del CGIE – Consiglio Generale degli Italiani all’estero, storico membro della Comunità emiliano-romagnola di New York. 


Scopri cosa è successo nei giorni precedenti: Domenica 12 giugno | Lunedì 13 giugno


 

 

 

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?