Legalità

“La Regione Emilia-Romagna, in armonia con i principi costituzionali e nel rispetto delle competenze dello Stato, concorre allo sviluppo dell'ordinata e civile convivenza della comunità regionale, della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile. A tal fine promuove iniziative e progetti volti ad attuare un sistema integrato di sicurezza territoriale attraverso gli interventi di prevenzione primaria, secondaria e terziaria di cui all'articolo 2”. (art.1)

Così si apre il Testo Unico per la promozione della legalità e per la valorizzazione della cittadinanza e dell'economia responsabili, approvato dall’Assemblea legislativa nel 2016, una legge in cui sono confluite tre leggi precedenti in materia. Il Testo Unico non ha solo finalità di coordinamento e di semplificazione ma ha anche offerto l'opportunità di inserire e disciplinare nuove modalità di prevenzione e di contrasto. Gli ambiti di intervento, la promozione di azioni e iniziative volte a contrastare i fenomeni d'infiltrazione e radicamento di tutte le forme di criminalità organizzata, sono tutte declinate nella prospettiva dellaprevenzione per agire da freno e da correzione allo sviluppo di tali fenomeni.

È inoltre prevista la costituzione della Consulta regionale per la legalità e la cittadinanza responsabile, quale organo di consulenza e proposta. La Consulta svolge attività conoscitive, propositive e consultive nelle politiche regionali, favorendone il coordinamento complessivo.

Nel Testo Unico una particolare attenzione viene dedicata a tutte le iniziative sviluppate d'intesa con i diversi livelli istituzionali. Vi sono inoltre misure specifiche con riguardo:

  • al sostegno per il recupero di immobili confiscati ed il loro riutilizzo a fini sociali e per la salvaguardia dei livelli occupazionali delle aziende sequestrate;
  • all’assistenza alle vittime dell'usura e del racket ed alle vittime innocenti delle organizzazioni criminali ed iniziative di prevenzione del fenomeno dell'usura;
  • alla prevenzione dei fenomeni di corruzione ed illegalità a partire dal settore degli appalti pubblici, ma anche nel settore dell'autotrasporto e facchinaggio, con il potenziamento dell'attività ispettiva e di controllo negli ambiti della logistica, e in quelli del commercio, turismo, agricoltura e della gestione dei rifiuti, anche al fine di contrastare i fenomeni del caporalato e dello sfruttamento della manodopera;
  • al contrasto del gioco d'azzardo patologico.

(Ultimo aggiornamento 27/11/2020)
Accordi e protocolli

Una delle azioni dell’Assemblea legislativa nel campo della legalità è quella di creare reti istituzionali attraverso la sottoscrizione di accordi e protocolli con le diverse istituzioni del territorio per promuovere la legalità e attivare delle azioni di prevenzione della criminalità organizzata ➡️

Beni confiscati

Il riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata costituisce una preziosa risorsa per il territorio, l’azione di riappropriazione di tali beni costituisce per la comunità un’affermazione importante e visibile di contrasto alla criminalità organizzata. Questi beni, che erano stati sottratti al territorio, tornano ad essere patrimonio comune. ➡️

Centro documentazione

Il Testo unico all’art. 6 prevede anche la costituzione, a cura della Giunta regionale e dell’Ufficio di Presidenza di un Centro di documentazione aperto alla fruizione dei cittadini, sui fenomeni connessi al crimine organizzato e mafioso, con specifico riguardo al territorio regionale, al fine di favorire iniziative di carattere culturale, per la raccolta di materiali, per la diffusione di conoscenze in materia e per conservarne la memoria storica. ➡️

Progetti di cittadinanza responsabile

L’attenzione alle giovani generazioni è una delle mission dell’Assemblea legislativa e i principali obiettivi sono la diffusione della cultura dei diritti, della legalità e della cittadinanza attiva e la valorizzazione del protagonismo dei giovani e la loro partecipazione alla vita della comunità ➡️

Settimana della legalità

Il Testo Unico ha istituito la Giornata regionale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie e per la promozione della cittadinanza responsabile, per promuovere l'educazione, l'informazione e la sensibilizzazione in materia di legalità su tutto il territorio. ➡️

Elenchi di merito

Gli elenchi di merito sono nati nel 2012 dopo il terremoto in Emilia come supporto all’attività di ricostruzione. Sono elenchi qualificanti che raccolgono le imprese operanti in diversi settori. ➡️

Per saperne di più

Link alla pagina Legalità della Giunta 

Azioni sul documento

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?