Assegnato il premio Megalizzi - Niedzielski per aspiranti giornalisti

Il premio Megalizzi - Niedzielski è stato istituito per gli aspiranti giornalisti che nel loro lavoro mostrano un forte attaccamento all'UE e ai suoi valori.

 

Il premio viene assegnato durante la settimana europea delle regioni e delle città (#EURegionsWeek), che quest'anno si è tenuta a Bruxelles dall'11 al 15 ottobre, a due dei partecipanti selezionati per il programma della DG REGIO Youth4Regions per aspiranti giornalisti. Una giuria della Commissione europea assegna i premi valutando l'impegno dei partecipanti a favore dell'UE, così come la qualità del loro lavoro precedente e del loro ingresso nel programma Youth4Regions.

 

Il premio Megalizzi - Niedzielski onora la memoria di Antonio Megalizzi e Bartek Piotr Orent-Niedzielski, giovani giornalisti europei con un forte attaccamento all'UE e ai suoi valori, uccisi nell'attacco terroristico a Strasburgo alla fine del 2018.

 

I vincitori del 2021 sono Irene Barahona Fernández dalla Spagna e Jack Ryan dall'Irlanda, che si sono occupati rispettivamente della difficile situazione del lupo iberico in Spagna e del problema dell'uso di cocaina tra i giovani in Irlanda.

 

Conosciamoli più in dettaglio grazie all'intervista che ha realizzato la rivista italiana "Panorama":

Panorama: Parlateci di voi. Come siete arrivati al giornalismo?

Jack Ryan: Entrambi i miei genitori erano nell'attivismo, nel servizio pubblico e nel giornalismo. Per questo sono cresciuto con tutte queste opinioni che mi giravano intorno. Sentivo delle cose e le esaminavo. Le mettevo in discussione. È questo che mi ha fatto interessare all'attualità. I miei genitori sembravano sapere tutto, quindi volevo sapere tutto. Ero un vero drogato di notizie. Ho avuto una rivelazione quando ero adolescente: questo è ciò che si adatta alle mie capacità. Mi piace che ogni settimana, o anche ogni giorno, ci si possa immergere in un argomento e impararlo davvero in profondità. Puoi imparare tutto sull'economia portoghese e poi, la settimana successiva, puoi imparare qualcosa sulla pesca norvegese. Ecco perché sapevo di voler fare giornalismo. Così ho iniziato a scrivere per il giornale del mio collega. Ho iniziato scrivendo una rubrica satirica che ha avuto abbastanza successo. Poi sono riuscito a ottenere questa borsa di studio per andare in Etiopia e ho fatto anche altri lavori da freelancerQuando sei giovane, dire che sei un giornalista è una cosa difficile, ma ora ho più sicurezza.

Irene Barahona Fernández: Ho studiato comunicazione audiovisiva [all'università]. Alla fine del corso è saltata fuori una borsa di studio e ho colto l'occasione. Ho trascorso gli ultimi due anni di questa borsa di studio come corrispondente, il che è stato fantastico! Non ho mai preso la decisione di diventare giornalista. Credo che il giornalismo abbia scelto me.

 

Panorama: Cosa ti ha attirato verso l'argomento del tuo articolo con cui hai vinto il premio?

Jack Ryan: Il consumo di cocaina è molto alto a Dublino. Ho lavorato per un paio d'anni in una discoteca affollata nel centro della città. La cocaina era davvero ovunque, quindi ho capito che era un grosso problema. Un mio amico ne è diventato dipendente durante il suo ultimo anno di scuola. Era estremamente paranoico e ansioso e non voleva lasciare la sua stanza durante l'estate. Ora sta bene. Ha avuto un attacco di cuore a soli 18 anni, è andato in ospedale e poi è stato portato direttamente in riabilitazione. Ma si è ripulito e ora ha un lavoro. L'immagine che circonda la droga è quella del glamour e della ricchezza, che però non ha alcun riscontro nella realtà. Per questo ho scritto l'articolo.

Irene Barahona Fernández:Ho scritto del lupo iberico perché in Spagna il lupo è presente davvero solo nella mia regione, dove la popolazione è molto densa. In passato, questo è stato un problema per gli allevatori di bestiame, ma i lupi potrebbero aiutare a rivitalizzare la zona per via del turismo e dei cacciatori, che sono pagati molto per cacciare un lupo. Ho scritto il mio articolo l'anno scorso, sulla sostenibilità dei lupi iberici e su come potrebbero essere un 'agente di cambiamento'. Ma il mio articolo è vecchio ormai, perché hanno cambiato la legge: ora è completamente vietato cacciare il lupo in Spagna.

 

Panorama: Cosa sapevi dei progetti finanziati dall'UE prima di entrare in #Youth4Regions?

Irene Barahona Fernández: Ho scritto molto sui progetti UE, su POCTEP (il programma Interreg V A - Spagna-Portogallo). Vivo al confine con il Portogallo. Riceviamo molti fondi europei. Quando vivi in una regione meno sviluppata, come la mia... si vedono bandiere europee in tutta la città e l'Università. Ci sentiamo molto legati all'Europa.

Jack Ryan: Mi sento come se sapessi molto sul funzionamento dell'Unione Europea... grazie all'Università. Sono stato coinvolto in un concorso - riguardante il processo sulla politica monetaria nella BCE - quindi mi sono interessato molto alla zona euro per quello. Cosa so dei progetti attuali dell'UE? Non molto. Mi sembra che in Irlanda non ci sia consapevolezza.

 

Panorama: Come è stata la tua esperienza alla Settimana Europea delle Regioni e delle Città del 2021?

Irene Barahona Fernández: L'ho apprezzata molto. Quante volte nella nostra vita avremo l'opportunità di fare domande ai relatori della Commissione, di stare con loro per una o due ore e chiedere quello che vogliamo? L'ultimo workshop sugli open data è stato fantastico.

Jack Ryan: Mi è piaciuta molto l'esperienza. Penso che la cosa più importante che mi porterò a casa è che ho incontrato persone da quasi tutti i Paesi d'Europa. Mi sentirei a mio agio a contattare chiunque abbia partecipato al programma. Ora ho contatti a Kiev, oppure a Oslo. Se sta succedendo qualcosa, posso mandare un messaggio e chiedere loro una citazione o una fonte per un articolo che devo scrivere. Come giornalista, questo è molto prezioso.

 

Panorama: Quali sono i suoi progetti per il futuro?

Irene Barahona Fernández: Non voglio passare la mia vita a fare la stessa cosa, come la corrispondente. Ora lavoro al giornale locale di Zamora, che è fantastico. Scrivo di storie locali, nella sezione rurale, che è perfetta perché sono molto interessata al giornalismo ambientale. Sembra che il mondo rurale sia lontano dalla sostenibilità, ma in realtà sta attraversando un cambiamento, e io ho l'opportunità di scriverne.

Jack Ryan: Il mio piano per il prossimo anno è di iscrivermi al master a Londra. Oltre a questo, voglio davvero espandere i miei orizzonti oltre l'Irlanda. Voglio davvero viaggiare. Mi piacerebbe scrivere di geopolitica e vorrei davvero sviluppare le competenze per farlo. Qualcosa come lavorare nel sud-est asiatico, scrivere di finanza. Mi piacerebbe molto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il premio è anche un augurio affinché che i due vincitori continuino a condividere l'attaccamento di Antonio e Bartek al progetto europeo e ai suoi valori e che siano giornalisti impegnati a raccontare onestamente l'UE e i suoi benefici per le regioni e le persone.

 

Vuoi partecipare al concorso per il premio?

Le domande per il programma Youth4Regions per aspiranti giornalisti 2022 si apriranno l'11 aprile.

Azioni sul documento

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?