Seguici su

Il territorio nella valigia: genealogie femminili fra l'Emilia-Romagna e il Cile

Primo appuntamento pubblico per discutere con gli studiosi e le associazioni che stanno lavorando a questo progetto, realizzato con il Contributo della Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo
Torna agli eventi in programma questo mese
09dic
  18:00 - 23:00     Modena, Via Borelli, 20
Info:  3495288047 — trame@fastwebnet.itSito evento
Aggiungi l'evento al calendariovCaliCal

Programma:


Ore 18.00 - Emigrare, immigrare, appartenere "nei" paesaggi
Presentazione di Antonio Canovi, storico della memoria
Ore 18.30 - Trasmissioni al femminile fra l'Emilia-Romagna e il Cile
Proiezione video e interventi di Paulina Corradini, Associazione Emilia Romagna “La Serena” e Mario Spiganti, etnografo visuale
Ore 19.30 - In convivio tra l'Emilia
Romagna e il Cile Degustazione a cura de l'erbalonga
Coordina Maria Teresa Rubbiani,
Associazione Trame 2.0

In Cile, stando alle statistiche del 2018, vivono stabilmente 58.270 italiani. Molti più che in Austria. L’Emilia Romagna è tra le prime regioni presenti, in parte cospicua per via della filiera migratoria del Panaro modenese (Pavullo, Guiglia, Zocca) approdata tra i boschi araucani di Capitàn Pastene nel 1904 e 1905. All’indomani della Liberazione ne partirono altri, questa volta da Nonantola alla volta della capitale Santiago e della costa del Pacifico. Sono viaggi che videro protagonisti i giovani, e con loro intere famiglie.
Che cosa sappiamo di queste storie migranti? Poco. Tutt’al più ne abbiamo inteso la eco. Restituire nel tempo presente conoscenza della vicenda storica; dando conto dei modi e luoghi della trasmissione tra le generazioni; tramite la parola e il sapere delle donne: questo, il cuore del progetto trasculturale intrapreso con il contributo della Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo.


La serata promossa e ospitata da Trame è il primo appuntamento pubblico per
discuterne con gli studiosi e le associazioni che vi stanno lavorando.

Scarica la locandina dell'evento (pdf, 5.0 MB)

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?