La Biblioteca Malatestiana. Storie e Segreti

Il libro sul 'gioiello' di Cesena edito da Il Vicolo editore e la mostra di pannelli con brevi stralci dei testi corredati da foto

cover_malatestiana.jpg

Un’impresa che unisce parola e visione. E che consente a Cesena di aprirsi al mondo. La storica Biblioteca Malatestiana di Cesena è tornata alla ribalta con il libro "La Biblioteca Malatestiana. Storie e Segreti”, edito da Il Vicolo Editore, che è stato presentato il 9 gennaio 2019 in Assemblea Legislativa. Al primo monumento italiano, unico cesenate, iscritto nel Registro della memoria del mondo dell'Unesco, è stata dedicata un'apposita mostra esposta nel parlamento regionale.

L'esposizione si compone di pannelli con brevi stralci dei testi degli autori del libro, in italiano e in inglese, corredati da immagini fotografiche. Un compendio che mira a rappresentare il cuore della Biblioteca Malatestiana. La pubblicazione del volume, invece, è stata resa possibile grazie all’applicazione dell’Art bonus, uno strumento legislativo finalizzato al mecenatismo culturale, al quale hanno aderito le aziende PLT puregreen e Romagna Acque Società delle Fonti

"Il nostro obiettivo è far conoscere in modo divulgativo e accattivante la Biblioteca, per diffonderla a un pubblico più ampio possibile", ha detto il presidente del Comitato Scientifico della Biblioteca Malatestiana, Andrea Daltri. L’opera si è avvalsa degli interventi critici di ricercatori esperti e altamente qualificati quali Piero Lucchi, Paola Errani, Marco Palma, Ilaria Maggiulli e Daniele Pascale Guidotti Magnani. L’ampio e suggestivo apparato fotografico invece porta la a firma di Gian Paolo Senni, Alberto Dradi Maraldi e Ivano Giovannini.

"Per noi cesenati è un onore che questa esposizione sia qui, nella casa degli emiliano-romagnoli" ha detto la consigliera Lia Montalti. "La Biblioteca Malatestiana rappresenta il cuore e l'orgoglio di Cesena, un punto di riferimento culturale e modello di buona politica. La storia di Malatesta Novello, che a fine '400 impiegò tutte le sue risorse per diffondere la cultura, resta anche oggi una delle nostre massime aspirazioni. Per questo vogliamo farla conoscere". "Questa mostra ha dato a Cesena la grande opportunità di uscire dai confini amministrativi e mostrare a tutti il suo gioiello", ha aggiunto l'assessore alla Cultura del Comune di Cesena, Christian Castorri

Guarda l'album fotografico

Azioni sul documento