Iniziativa di legge popolare

È uno degli strumenti di partecipazione previsti dallo Statuto. Si concretizza nella facoltà di presentare un progetto di legge (pdl) al presidente dell’Assemblea, da parte di almeno 5.000 elettori, di ciascun Consiglio provinciale o di uno o più Consigli comunali che rappresentino – singolarmente o complessivamente – una popolazione di almeno cinquantamila abitanti.

L’iniziativa consiste in un testo scritto, accompagnato dalla relazione illustrativa che ne spiega le finalità e il contenuto, e dalla relazione tecnico-finanziaria nel caso in cui la proposta preveda spese o minori entrate per la Regione.

La proposta deve riguardare le materie che rientrano nella potestà legislativa regionale e deve rispettarne i limiti. Non é ammessa per la revisione dello Statuto, per le leggi tributarie e di bilancio, né può essere esercitata nei sei mesi antecedenti la scadenza della legislatura.

Testo e relazione della proposta devono essere depositati dai promotori dell’iniziativa all’Ufficio di presidenza dell’Assemblea, insieme ad almeno 300 firme autenticate nei modi previsti dalla legge.

Una volta controllata l’autenticità e la regolarità delle firme e delle certificazioni, la Consulta di garanzia statutaria verifica la sussistenza del quorum richiesto e dichiara l'ammissibilità della richiesta.

I cittadini che intendono presentare una proposta di legge possono chiedere all’Ufficio di presidenza di essere assistiti nella sua stesura e richiedere dati e informazioni.

Lo Statuto prevede anche la possibilità, per i soggetti legittimati, di sottoporre all'Assemblea una questione di rilevante interesse, presentando proposte anche in termini generali. L'Assemblea deve procedere all'esame della questione entro i successivi sei mesi.

Qui sotto la modulistica da scaricare e utilizzare per la presentazione del progetto di legge popolare.

 

(Ultimo aggiornamento 09/04/2019)

Azioni sul documento

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?