Nome di battaglia "Contessa"

Renata Viganò testimonial dell'8 marzo 2018 in Assemblea. La mostra dedicata alla partigiana e scrittrice bolognese

Nome di battaglia "Contessa"

Sono cinque ragazze, hanno poco più di 20 anni e studiano giurisprudenza, scienze politiche, lettere e scienze della formazione. Sono le creatici della mostra “Nome di battaglia: Contessa”, ospitata in Assemblea legislativa per celebrare l'8 marzo 2018 e dedicarlo a Renata Viganò, partigiana e scrittrice bolognese.

Dafne Carletti, Sofia Fiore, Margherita Occhilupo, Marta Selleri e Elena Sofia Tarozzi, studentesse dell'Università di Bologna per l'occasione autodenominate “Brigata Viganò” hanno voluto ridare vita alle opere della scrittrice partigiana. Il lavoro è stato coordinato da Tiziana Roversi mentre la supervisione scientifica è stata affidata a Antonio Faeti. Il gruppo di studentesse ventenni ha “riletto” e trasformato in pannelli grafici La bambola brutta, uno dei libri più famosi di Renata Viganò.

"Una mostra - ha sottolineato la presidente Simonetta Saliera - che celebra l'impegno di battaglia e politico delle donne, un tema sempre più all'ordine del giorno. Ed è un valore aggiunto che cinque ragazze poco più che ventenni abbiano approfondito una figura così importante per la nostra cultura".

Azioni sul documento

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?