Pass disabili a una cittadina grazie all’intervento del difensore civico

07.08.2019

Pass disabili a una cittadina grazie all’intervento del difensore civico

“Le attestazioni medico legali richieste per l’accertamento dei requisiti sanitari necessari al rilascio del contrassegno invalidi possono essere sostituite dal verbale della commissione medica integrata per l’accertamento dell’invalidità civile”. Lo prevede la normativa, ai sensi dell’art. 4 della legge 35/2012, che un comando di Polizia Municipale della nostra regione ha applicato su invito del Difensore civico Carlotta Marù.

Una cittadina della nostra regione, nel corso della visita per l’invalidità civile, era stata certificata anche una sensibile riduzione della mobilità, presupposto per avere il pass disabili. Non era dello stesso avviso invece la polizia municipale che per tre volte ha rifiutato di rilasciare il contrassegno ritenendo necessaria una nuova visita.

“I presupposti per il rilascio del permesso disabili sono già accertati nel verbale per l’invalidità civile -ha evidenziato Marù nel suo intervento- che dal 2012 deve attestare anche l’esistenza dei requisiti sanitari per l’accesso a prestazioni (compreso il contrassegno per parcheggio e accesso nel centro storico). Non è quindi necessario procedere con ulteriori accertamenti”

 

Azioni sul documento