Difensore civico. Assemblea sceglie Carlotta Marù, proposta da Ln, Fi, Fdi e Mns/ foto

Trentaquattrenne di Parma, laureata in giurisprudenza, attualmente ricopre l’incarico di vicepresidente del Consiglio comunale della sua città

19/06/2018 12:07

È Carlotta Marù il nuovo Difensore civico regionale, eletta dall’Assemblea legislativa con 34 voti su 39. Proposta dai consiglieri Alan Fabbri (Ln), Andrea Galli (Fi), Giancarlo Tagliaferri (Fdi) e Michele Facci (Misto-Mns).

Marù, trentaquattrenne di Parma, laureata in giurisprudenza con tesi in diritto di famiglia, ha svolto pratica forense presso uno studio legale della sua città, ha poi collaborato come consulente con il Dipartimento europeo di controllo degli illeciti bancari (Deciba) e con Fiere di Parma.

Intensa anche la sua attività in ambito politico, militante della Lega nord, dal 2015 al 2017 è stata presidente del consiglio del quartiere Parma centro, attualmente ricopre l’incarico di vicepresidente del Consiglio comunale cittadino, è anche componente della commissione consiliare Personale, organizzazione e comunicazione.

Marù ha prevalso sulla candidata proposta da Andrea Bertani (M5s), Velia Recchia.

La candidatura del centrodestra, ha rimarcato Silvia Piccinini (M5s), “a nostro giudizio non ha i requisiti per ricoprire questo ruolo”, il nostro candidato, ha aggiunto, “è un avvocato con un’esperienza decennale alle spalle, ha le competenze per svolgere questo impegno”. Anche per Andrea Bertani (M5s) “il difensore civico deve essere scelto tra persone di riconosciuta professionalità, con esperienza e con i requisiti richiesti”. Requisiti, ha sottolineato, “che al contrario della proposta del centrodestra il nostro candidato ha”.

Sosteniamo, è poi intervenuto Alan Fabbri (Ln), “una giovane donna, Carlotta Marù: elemento di novità nell’ambito della difesa civica regionale”.

(Cristian Casali)

« Torna all'archivio

Azioni sul documento