L'Unione europea al Giro d'Italia. Si parte oggi da Bologna per raccontare migliaia di progetti finanziati dall'UE nei territori

#UEalGiro - Giro d’Italia, cuore d’Europa

 

Aggiornamento: sono qui disponibili i video informativi su progetti locali finanziati da fondi europei che abbiamo realizzato per le tappe del Giro d'Italia che hanno toccato il nostro territorio.

 

Anche per l’edizione 102 la Commissione europea si conferma partner istituzionale di RCS per il grande evento ciclistico. Un racconto lungo ventuno giorni all’insegna dell’ambiente e della sostenibilità, dello sport e della cultura, temi-chiave del Giro attraverso i quali l’Europa traccerà il suo percorso lungo la penisola. Partenza oggi a Bologna con la cronometro Bologna San Luca.

E' stata l'occasione per Europe Direct Emilia-Romagna e per la Commissione europea per incontrare tanti cittadini e per raccogliere testimonianze di ragazzi che hanno conosciuto l'Europa concreta attraverso diversi progetti finanziati dall'unione europea. Questo il senso della collaborazione avviata dalla Commissione europea con le radio universitarie riunite sotto la sigla di RadUni, parte del format europeo Europhonica, la stessa che ha visto l’impegno di Antonio Megalizzi e Bartosz Orent- Niedzielski e i cui giornalisti hanno intervistato giovani di Bologna e giovani provenienti da altri paesi europei che ora sono a Bologna grazie ai progetti europei.

L'appuntamento è per domani mattina, con la seconda tappa del Giro d'Italia che partirà da Bologna per raggiungere la Toscana attraversando gli Appennini bolognesi. Alle 10 circa il Camper della Commissione europea arriverà in Via indipendenza .... per poi seguire la carovana del Giro d'Italia fino a Fucecchio. Come è ormai consuetudine infatti, un camper con i colori della bandiera Ue si unirà al "serpentone" della carovana che segue il Giro d’Italia per informare e sensibilizzare i cittadini sulle politiche europee dedicate all'ambiente, allo sport, alla salute, alla mobilità sostenibile e alla sicurezza alimentare.

Gli Europe Direct italiani saranno presenti in tutte le tappe del Giro, supportando la Commissione europea e coinvolgendo i propri cittadini, per fare conoscere l'Europa concreta, quella che si occupa dello sviluppo dei territori e di offrire opportunità ai giovani, alle aziende, alla ricerca, all'agricoltura sostenibile ecc....

Da Bologna a Verona, da sabato 11 maggio a domenica 2 giugno l’Europa aggiunge 12 stelle e il blu della sua bandiera al rosa del ciclismo italiano. 

Negli ultimi cinque anni l’Italia ha beneficiato e stanziato di oltre cento miliardi di euro di fondi europei per progetti dedicati a ricerca, ambiente, cultura e imprese. Lungo il percorso del Giro si trovano alcune delle migliaia di queste realtà. Dalla Fondazione Cineteca di Bologna al Museo Casa De Gasperi di Pieve Tesino, Marchio del Patrimonio europeo, fino alle mura della Città dell’Aquila, solo per citarne alcuni. Ci sono progetti di ricerca e innovazione, parchi archeologici e naturali, decine di prodotti DOP italiani come il Prosciutto di Parma, investimenti per il sostegno alle Piccole e medie imprese italiane.

Seguiteci quindi sui nostri social:

@europedirecter @europainitalia

 

Azioni sul documento