Webinar report: pilastro europeo dei diritti sociali e assistenza a lungo termine

WEBINAR sull'assistenza a lungo termine e il pilastro europeo dei diritti sociali (25/9/18)

English Version

Di Eurodiaconia, la rete europea di chiese e ONG cristiane che forniscono servizi sociali e sanitari e che promuovono la giustizia sociale. Questo webinar è realizzato in collaborazione con AGE Platform Europe, una rete di organizzazioni senza scopo di lucro che promuovono e rappresentano gli interessi delle persone anziane.

 

Alexander Elu di Eurodiaconia introduce l'assistenza a lungo termine come un’area di lavoro strategica per l'Unione europea, poiché l'invecchiamento della popolazione rappresenta una sfida strategica per l'Europa di oggi e nei prossimi decenni. L'assistenza a lungo termine ha punti di contatto molto rilevanti con altre dimensioni della protezione sociale, alcune delle quali fanno anche parte del pilastro europeo dei diritti sociali.

Il pilastro europeo dei diritti sociali è una recente iniziativa della Commissione europea per rafforzare i diritti sociali delle persone che risiedono legalmente nel territorio dell'UE. È stato proclamato il 17 novembre 2017 a Göteborg in occasione del primo summit dell'UE su questioni sociali da più di 20 anni. Poiché manca una base giuridica nei trattati dell'UE per l'adozione di una legislazione vincolante in settori quali la protezione sociale, il pilastro in quanto tale non è direttamente applicabile e richiede misure e legislazione dedicate da adottare al livello appropriato per riuscire a essere efficacemente implementato sulla realtà degli stati membri. I principi definiti nel pilastro dovrebbero essere interpretati come una base di partenza da cui gli Stati membri sono invitati a costruire.

I diritti sanciti nel pilastro esistono già nella legislazione nazionale e dell'UE, ad esempio nella Carta dei diritti fondamentali dell'UE o nella Carta sociale europea. Il Pilastro è tuttavia necessario come risposta al riconoscimento del fatto che tali diritti possono esistere sulla carta ma non vengono resi efficaci in alcuni contesti e circostanze, soprattutto a causa di finanziamenti inadeguati o della natura mutevole dell'occupazione.

Contiene 20 principi divisi in 3 capitoli:

1. Pari opportunità e accesso al mercato del lavoro: 1. Istruzione, formazione e apprendimento permanente 2. Parità di genere 3. Pari opportunità 4. Sostegno attivo all'occupazione

2. Condizioni di lavoro eque: 6. Stipendi 7. Informazioni sulle condizioni di lavoro e protezione in caso di licenziamenti 8. Dialogo sociale e coinvolgimento dei lavoratori 9. Equilibrio vita-lavoro 10. Ambiente di lavoro sano, sicuro e ben adattato e protezione dei dati

3. Protezione sociale e inclusione: 11. Assistenza all'infanzia e sostegno ai bambini 12. Protezione sociale 13. Prestazioni di disoccupazione 14. Reddito minimo 15. Reddito e pensioni di vecchiaia 16. Assistenza sanitaria 17.Inclusione di persone con disabilità 18. Assistenza a lungo termine 19. Assistenza e assistenza per i senzatetto 20. Accesso ai servizi essenziali

 Il terzo capitolo contiene il Principio 18: Assistenza a lungo termine, che è di interesse per Eurodiaconia e AGE Platform Europe. "Tutti hanno diritto a servizi di assistenza a lungo termine a prezzi accessibili di buona qualità, in particolare servizi di assistenza a domicilio e basati sulla comunità": la frase contiene un forte messaggio sulla qualità e la convenienza, ma ci sono alcuni aspetti mancanti. Mr Elu apprezza il riferimento ai servizi basati sulla comunità, che implicitamente includerebbe l'idea che i servizi dovrebbero andare dove gli utenti sono. Tuttavia, egli esprime anche dubbi sulla mancanza di una menzione esplicita all'integrazione tra servizi sanitari e sociali come una soluzione per la fornitura di assistenza a lungo termine. Gli obiettivi racchiusi nel pilastro devono essere conciliati con la sostenibilità dell'assistenza a lungo termine, che è fondamentale alla luce della crescente percentuale di anziani in Europa. Poiché non vi è alcuna prescrizione nel documento del pilastro su questo, Mr Elu prevede che quando gli obiettivi di qualità e convenienza sono messi a confronto con considerazioni di sostenibilità, di solito è quest'ultimo a prevalere.

 

Il pilastro europeo dei diritti sociali - Approccio di AGE Platform Europe

AGE Platform Europe è una rete europea di circa 120 organizzazioni di e per persone di età superiore ai 50 anni che ha lo scopo di esprimere e promuovere gli interessi di 40 milioni di anziani nell'Unione europea. I loro obiettivi sono:

• Portare il punto di vista delle persone anziane nei dibattiti delle politiche europee

• Aumentare la consapevolezza sulle esigenze e il desiderio degli utenti di aggiungere valore alla ricerca europea, alla produzione industriale, alla fornitura di servizi e alla definizione delle politiche.

• Creazione di sinergie e networking con altre ONG e parti interessate

 Philippe Seidel spiega che si è lavorato sul Pilastro tra il 2011 e il 2015 durante il Semestre europeo, il ciclo annuale di coordinamento macroeconomico, di bilancio e di politica strutturale volto a monitorare i progressi verso gli obiettivi di Europa 2020 e a garantire il coinvolgimento attivo dei paesi dell'UE.

Se la strategia Europa 2020 contiene alcuni obiettivi sociali, come la riduzione della povertà e l'aumento del tasso di occupazione, essi non dispongono ancora di meccanismi di applicazione e rimangono obiettivi ambiziosi. Poi si è inserita la crisi economica, che ha portato all'introduzione o al rafforzamento dell'austerità e alla ricerca di modalità di riduzione della spesa nei bilanci pubblici. Come spiega Elu, le preoccupazioni economiche sono sempre venute prima delle considerazioni sociali. Seidel sottolinea la mancanza di sensatezza economica di questo: in termini di investimenti sociali, ciò che non viene speso oggi verrà speso due o tre volte in futuro, soprattutto per le cure a lungo termine. AGE Platform cerca sempre di evidenziare che esiste una base giuridica per la politica sociale nell'articolo 9 del Trattato sul funzionamento dell'UE: "Nel definire e attuare le sue politiche e azioni, l'Unione tiene conto delle esigenze legate alla promozione un elevato livello di occupazione, la garanzia di un'adeguata protezione sociale, la lotta contro l'esclusione sociale e un alto livello di istruzione, formazione e protezione della salute umana ".

È stato formato il gruppo "EU Semester Alliance" (che comprende anche Eurodiaconia), che ha ricevuto finanziamenti aggiuntivi nel 2013-2014 per formare membri nazionali a tessere alleanze per il semestre per essere più efficaci e più assertivi sull’impatto sociale dell'austerità. In alcuni stati membri questo ha reso molti gruppi di popolazione consapevoli che deve esserci una sorta di correttivo sociale per l'austerità. Il 2014 ha visto un primo tentativo: l'UE ha istituito un "Social scoreboard" che valuta gli indicatori degli obiettivi sociali di Europa 2020. L'Alleanza ha anche contribuito a rendere più esplicito il linguaggio dei diritti nel Pilastro dalla prima alla seconda bozza. Qualche esempio:

• Principio 3 - Pari opportunità: inizialmente formulate solo sull'idea di accesso al mercato del lavoro, sono riusciti a far riscrivere il testo per espandere il concetto;

• Principio 4 - Supporto attivo all'occupazione: sono riusciti ad avere un riferimento all'età nel mercato del lavoro, per quegli anziani che si vedono negato il sostegno attivo all'occupazione e vengono piuttosto messi sulla via del prepensionamento.

 Tuttavia, il Consiglio dell'UE ha poi aggiunto un preambolo che specifica che questi diritti sono solo principi e si applicano solo se sono esplicitamente citati nella legislazione dell'UE. Ciò è dovuto a un precedente: la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, anch’essa proclamata a livello interistituzionale senza mai fare parte dei trattati. Il valore legale della Carta non era chiaro, ma la Corte di giustizia europea ha inteso questo testo come una volontà del legislatore nell'UE: la Corte ha usato la Carta per interpretare con un approccio più basato sui diritti alcuni principi che non erano così dettagliati nelle direttive europee.

 

Verso il diritto all'assistenza a lungo termine

di Borja Arrue (AGE Platform) - responsabile dell'assistenza a lungo termine e dell'abuso agli anziani

 

Borja Arrue definisce più nel dettaglio ciò che l’assistenza a lungo termine dovrebbe essere secondo i membri di AGE. Il loro significato va oltre gli aspetti medici e comprende la salute e l'assistenza sociale. Dovrebbe includere un sostegno all'integrazione nella comunità volto a mantenere la persona il più indipendente e autonomo possibile. Tutti i servizi di assistenza a lungo termine dovrebbero inoltre essere integrati e coordinati tra di loro e centrati sulla persona (i servizi si adattano alla persona, non il contrario). Dovrebbe anche mantenere sempre la persona legata alla propria comunità. L’accesso all’assistenza dovrebbe infine essere universale e considerato come un diritto per la persona.

Arrue, tuttavia, spiega come l'assistenza a lungo termine abbia a malapena iniziato a integrare il benessere sociale e l'uguaglianza con altri diritti sociali. Veniamo da un approccio molto paternalistico: finora è prevalso un chiaro disinteresse verso le preferenze e i desideri di coloro che avevano bisogno di cure a lungo termine, al punto che questi ultimi hanno spesso visto limitate la loro autonomia e la loro indipendenza. L'approccio paternalista / tradizionalista include tipicamente una negazione delle preferenze e dei desideri degli anziani, dalla gestione delle proprie finanze alle decisioni sulle abitudini alimentari o sulle persone da incontrare. Non mancano abusi fisici, isolamento ed esclusione. I servizi per fornire assistenza risultano poco integrati e spesso gli assistenti informali finiscono per essere sovraccaricati di persone bisognose e di doveri.

Poiché nella società prevalse una sorta di pregiudizio anti-età, Age Platform si impegna nel dibattito in progetti internazionali come presso le Nazioni Unite. Arrue si concentra sul gruppo di lavoro aperto delle Nazioni Unite sull'invecchiamento, un insieme di paesi membri delle Nazioni Unite creato nel 2010 su iniziativa dell'Argentina. La sua missione è quella di valutare lo stato di godimento dei diritti umani degli anziani nel mondo e l’utilità di un nuovo strumento internazionale per tutelare la dignità nell’invecchiamento. Uno strumento internazionale si rende necessario non perché una nuova convenzione può risolvere tutti i problemi, bensì perché stabilisce una cornice intellettuale che sensibilizzi sul diritto dei cittadini anziani di godere dei loro diritti come chiunque altro. Quest'anno il gruppo delle Nazioni Unite ha discusso di cure lungo termine e palliative, autonomia e indipendenza. Si sono incontrati a New York e hanno identificato le lacune nella protezione dei diritti umani per gli anziani nei servizi di assistenza a lungo termine. Hanno inoltre esplorato come un nuovo strumento potrebbe contribuire nel superamento dell'assistenza paternalistica.

Il pilastro europeo dei diritti sociali può contribuire a questo passaggio attraverso il principio 18, che afferma che "tutti hanno diritto a servizi di assistenza a lungo termine a prezzi accessibili di buona qualità, in particolare servizi di assistenza a domicilio e basati sulla comunità". Il pilastro può quindi affrontare:

1) La sfida dell'accesso: oggi in Europa i servizi non sono sufficienti rispetto alla domanda e questa sarà una sfida crescente poiché le popolazioni stanno invecchiando

2) La sfida della qualità: rispettare anche la dignità di chi è in servizio

3) La sfida del finanziamento

Il Pilastro potrebbe anche riequilibrare le preoccupazioni finanziarie e sociali: l'assistenza a lungo termine durante la crisi economica è diventata una delle variabili di aggiustamento della spesa pubblica, determinando così un onere crescente per i parenti degli anziani. Il Pilastro potrebbe affermare l'assistenza a lungo termine come un diritto irreversibile, indipendentemente dalle esigenze di spesa pubblica, elevandola a elemento integrante dei sistemi di welfare. Infine, dovrebbe spingere verso una convergenza verso l'alto tra gli Stati membri, in termini di accesso e qualità: alcuni paesi o comuni stanno performando positivamente e il Pilastro può aiutare l'interesse e lo scambio di buone pratiche.

A livello europeo, nuova legislazione dell'UE in campo sociale è molto improbabile. Ciò che sembra prevalere è un approccio in base al quale l'UE dovrebbe svolgere un ruolo maggiore nella condivisione delle buone pratiche, nell'orientamento dei servizi, nel sostegno agli Stati. Il Pilastro ha il potenziale di uno strumento "soft" per spingere gli stati ad adottare ulteriori azioni in termini di miglioramento della qualità e dell'accesso.

Arrue presenta idee su una potenziale raccomandazione dell'Unione europea, ossia un testo non vincolante che l'UE può adottare per stabilire priorità, obiettivi e linee guida affinché gli Stati avanzino in un dato settore. Tali raccomandazioni, ad esempio, esistono nel campo dell'educazione per la prima infanzia e dell'assistenza ai bambini, che ha avuto un grande impatto in tutta Europa. Le regioni di tutta Europa in alcuni casi hanno introdotto il contenuto della raccomandazione dell'UE nelle proprie riforme dell'assistenza all'infanzia a livello regionale. Per l'assistenza a lungo termine non disponiamo di uno strumento coerente e completo, pertanto una delle azioni a medio termine per l'attuazione del Pilastro potrebbe essere proprio lo sviluppo di tale raccomandazione dell'UE. I paesi potrebbero sviluppare di conseguenza forme di protezione sociale dedicata alle esigenze di assistenza. Questo dovrebbe andare di pari passo con un nuovo modo di interpretare l'assistenza in termini finanziari, perché attualmente è percepita dalla Commissione europea come un onere di spesa. Ad esempio, la relazione sull'invecchiamento che la Commissione europea pubblica ogni anno è in netto contrasto con il pilastro europeo dei diritti sociali: l'invecchiamento è considerato un costo da contenere, invece di una nuova sfida da affrontare in termini di introduzione di diritti sociali. La raccomandazione potrebbe inoltre fornire indicazioni sull'utilizzo dei fondi strutturali e dei nuovi fondi InvestEU. Potrebbe infine preannunciare ulteriori regole, se non in termini di legislazione per i diritti sociali, almeno in termini di regolamentazione, ad esempio, del settore privato dell’assistenza che a volte può fornire servizi di bassa qualità senza controlli.

Un'altra possibilità da considerare è l'introduzione di obiettivi europei. Un esempio che ha visto gli Stati stimolati verso un traguardo potrebbero essere gli obiettivi di Barcellona per l'assistenza all'infanzia istituiti dal Consiglio europeo nel 2002, il cui scopo era quello di coprire il 90% dei bambini tra i 3 ei 6 anni con l’assistenza all’infanzia professionale. Per l'assistenza a lungo termine, secondo AGE Platform, un documento simile sarebbe necessario, ma il tipo di servizi che gli anziani necessitano sono diversi: assistenza sanitaria, assistenza sociale ... Questo sforzo dovrebbe essere coniugarsi anche con l'introduzione di indicatori di qualità a livello europeo, anche se ciò aggiunge nuovi oneri di reportistica per gli stati membri.

Riccardo Cucconi

Vincitore del Premio di Laurea “L’Europa che sarà” dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna

Azioni sul documento