Dopo Brexit: dove andranno le Agenzie europee con sede nel Regno Unito? Anche Milano si è candidata per EMA

Dopo Brexit: dove andranno le Agenzie europee con sede nel Regno Unito? Anche Milano si è candidata per EMA

La procedura di presentazione delle domande per ospitare le due agenzie UE con sede nel Regno Unito, l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) e l'Autorità bancaria europea (ABE), si è conclusa a mezzanotte del 31 luglio 2017.

La Commissione europea valuterà le offerte sulla base dei criteri stabiliti dal presidente Jean-Claude Juncker e dal presidente Donald Tusk e approvati dai capi di Stato e di governo dell'UE a 27 al Consiglio europeo (articolo 50) del 22 giugno 2017.

L’Italia ha candidato Milano per ospitare l'Agenzia europea per i medicinali (EMA).

Tabella di marcia:

La valutazione della Commissione sarà pubblicata online il 30 settembre 2017. Il Consiglio terrà poi una discussione politica sulla base di tale valutazione in occasione del Consiglio Affari generali (articolo 50) di ottobre 2017. Al fine di consentire una ricollocazione agevole e tempestiva delle due agenzie, la decisione finale sarà presa al Consiglio Affari generali (articolo 50) di novembre 2017.

Contesto

La decisione di ricollocare l'EMA e l'ABE, attualmente ubicate a Londra, spetta ai governi dei 27 Stati membri, ed è la conseguenza diretta della decisione del Regno Unito di lasciare l'Unione europea, come notificato al Consiglio europeo del 29 marzo 2017. Pur non facendo parte dei negoziati sulla Brexit, la questione deve essere discussa esclusivamente dagli altri 27 Stati membri. La Commissione ha ripetutamente sollecitato una rapida decisione sul trasferimento dell'EMA e dell'ABE, in quanto si tratta di due organismi di regolamentazione fondamentali che devono continuare a funzionare correttamente e senza interruzioni anche dopo marzo 2019.

Per ulteriori informazioni

Domande per ospitare l'EMA e l'ABE

Decisione relativa alla procedura per il trasferimento delle agenzie dell'UE ubicate attualmente nel Regno Unito

Azioni sul documento