38,2 milioni di euro di finanziamenti di emergenza dalla Commissione all'Italia per gestire la migrazione

La Commissione europea ha erogato finanziamenti di emergenza per 38,2 milioni di euro a favore dell'Italia per aiutare il paese a far fronte alle sfide dovute alla forte pressione migratoria.

I fondi provengono dal Fondo per la sicurezza interna (FSI) e dal Fondo "Asilo, migrazione e integrazione" (AMIF) della Commissione.

13,5 milioni di euro saranno destinati al Ministero dell'Interno per migliorare la gestione delle frontiere e della migrazione e, in particolare, sostenere progetti per attuare procedure operative standard, potenziare i controlli alle frontiere esterne e la sorveglianza delle frontiere nonché migliorare i servizi sanitari e la mediazione linguistica e interculturale.

Altri 22,2 milioni di euro andranno a favore del Ministero della Difesa (16,7 milioni di euro) e alla Guardia costiera italiana (5,5 milioni di euro) per migliorare la capacità di sorveglianza delle frontiere e salvare vite in mare, con l'intento di promuovere anche l'acquisto di attrezzature, dispositivi e servizi per le operazioni di salvataggio.

Il Ministero dell'Interno riceverà altri 2,5 milioni di euro a sostegno di azioni per rispondere alle esigenze particolari dei minori non accompagnati.

Con questi finanziamenti supplementari, l'assistenza di emergenza erogata dalla Commissione all'Italia e alle agenzie dell'UE, alle organizzazioni internazionali e alle ONG che operano in Italia ammonta ora a circa 54 milioni di euro. Questi finanziamenti di emergenza vanno ad aggiungersi ai 592,6 milioni di euro già erogati all'Italia a titolo dei programmi nazionali dell'AMIF e dell'FSI per il periodo 2014-2020

Azioni sul documento