Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Il sito ufficiale dell’Assemblea legislativa

Sezioni

A te la parola

I cittadini protagonisti in prima persona. Lo Statuto della Regione garantisce a tutti i residenti in Emilia-Romagna importanti diritti di partecipazione:

  • la presentazione di una petizione per chiedere l’adozione di provvedimenti che rientrano nelle competenze regionali;
  • l’avvio di una istruttoria pubblica che preceda il varo di atti o norme,
  • la presentazione di una proposta di legge popolare
  • la richiesta di svolgere un referendum abrogativo totale o parziale di una legge regionale, di un regolamento o di un atto amministrativo di interesse generale
  • la richiesta di svolgere un referendum consultivo su materie o leggi di competenza della Regione.

Infatti, in base al proprio Statuto la Regione riconosce e favorisce, nel rispetto della loro autonomia, forme democratiche di associazionismo e di autogestione e assicura alle organizzazioni che esprimono interessi diffusi o collettivi il diritto di fare conoscere e di scambiare pubblicamente le loro opinioni e valutazioni sulle materie di competenza regionale, mediante appropriati meccanismi di consultazione. Dunque, qualunque soggetto portatore di interessi generali o privati, nonché i portatori di interessi diffusi in forma associata, cui possa derivare un pregiudizio da un atto regionale, ha facoltà di intervenire nel procedimento di formazione dello stesso, secondo le modalità stabilite dallo Statuto e dalle leggi regionali.

La materia è regolata al Titolo II (Persone, collettività e partecipazione) dello Statuto della Regione.

In questa sezione gli approfondimenti e le modalità pratiche utili ai cittadini.

Azioni sul documento