Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Il sito ufficiale dell’Assemblea legislativa

Sezioni

+++Trentasei eventi, 52 sedute d’aula, 234 di commissione: un 2017 “pancia a terra” per l’Assemblea/ pdf+++

Dal Cantiere 2 agosto alla visita del Papa d’Oriente Bartolomeo I, il parlamento regionale- spiega la presidente Saliera- “ha deciso e saputo aprire le proprie porte ai cittadini”

27/12/2017 09:30

Trentasei tra mostre e iniziative: dal Giorno della Memoria a Cantiere 2 agosto passando per il Giorno del Ricordo, la partecipazione ad Arte Fiera, il Presepe Sfolgorante di Giulia Napoleone. E ancora altri eventi come i quadri di Massimo Sansavini dedicati al dramma dei migranti che annegano nel canale di Sicilia, l’impegno contro la violenza alle donne.
Ospiti illustri come il Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I, il Papa d’Oriente che lo scorso 13 settembre ha scelto il Parlamento di viale Aldo Moro per la sua unica uscita pubblica a Bologna in una sede non ecclesiale. La tre giorni dedicata al Centro Manzi e alla presentazione al mondo della scuola del nostro lavoro. E ancora: seminari, viaggi della memoria, l’attività degli Istituti di garanzia, oltre gli impegni internazionali come la Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo, gli Intergruppi Saharawi e Amici dei bambini di Chernobyl.

Insieme alla più tradizionale attività istituzionale (52 sedute d’Aula, 234 di Commissione, 23 leggi approvate, 6 proposte di legge alle Camere, 7 petizioni popolari, 23 atti amministrativi approvati, 1.400 atti ispettivi da parte dei consiglieri, 844 richieste di accesso agli atti, 318 atti di indirizzo proposti dai consiglieri) per l’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna il 2017 è stato un anno di intenso lavoro, pancia a terra, come testimoniano le pagine di questo report di fine anno.

Sono stati molti gli appuntamenti culturali, sociali ed artistici che hanno visto il Parlamento di viale Aldo Moro e i consiglieri regionali come protagonisti. “Un’Assemblea attiva. Essa ha deciso e saputo aprire le proprie porte ai cittadini: non solo ai tradizionali studenti delle scuole emiliano-romagnole che già da un decennio conoscono il Parlamento di viale Aldo Moro, grazie al progetto Concittadini”, spiega la Presidente dell’Assemblea Simonetta Saliera, che ricorda come “quest’anno l’Assemblea ha voluto coinvolgere anche un pubblico più adulto, come dimostrato dalla collaborazione con MaMbo che ha consentito visite guidate alle collezioni d’arte dell’Assemblea e allo stesso palazzo di viale Aldo Moro, esso stesso ‘opera d’arte’ realizzata su progetto di Kenzo Tange. E’ stato un 2017 di intenso impegno politico e civile. I risultati raggiunti sono anche il frutto dell’impegno quotidiano delle tante lavoratrici e dei tanti lavoratori dell’Istituzione regionale”.

Il successo dei due sabati di apertura straordinaria (4 novembre e 2 dicembre 2017) della collezione d’arte e dell’Aula dell’Assemblea non si è fatto attendere. I cittadini che hanno partecipato agli eventi hanno potuto provare ad essere consiglieri per un giorno: visitare le Torri di Tange e sedersi tra i banchi del Parlamento regionale rendendosi conto di come funziona la nostra democrazia regionale.

L’Assemblea ha confermato la propria collaborazione con i Comuni del territorio, come con l’VIII edizione del Premio Ilario Rossi in sinergia con il Comune di Monzuno, nel bolognese.

Per grandi e piccini, l’Assemblea– grazie al lavoro dei propri uffici– ha realizzato una guida double face (un lato per gli adulti, l’altro per bambini e ragazzi) che racconta cosa è la Regione, come e quando è nata, come funziona.

« Torna all'archivio

Azioni sul documento

In breve

Simonetta Saliera

Simonetta Saliera è stata eletta Presidente dell’Assemblea legislativa il 29 dicembre 2014. È nata a Pianoro (BO). E' sposata e ha un figlio

 

Dal discorso di insediamento:

"Mi impegnerò per essere all’altezza dei compiti, del ruolo istituzionale e politico che assumerò come presidente dell’Assemblea legislativa frutto della volontà popolare. 

Vi assicuro fin da ora che difenderò in ogni sede la vostra libertà di parola e di azione politica nel rispetto del dettato della nostra Costituzione e dei nostri regolamenti, soprattutto richiamando tutti noi ad adempiere il proprio mandato di rappresentanza in modo libero, con dignità, onore e integrità.

È compito delle Istituzioni, a tutti i livelli, operare perché la nostra sia una società giusta e democratica" (scarica l'intero discorso)