Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Il sito ufficiale dell’Assemblea legislativa

Sezioni

Dizionario AL

a.jpgAlbo generale delle Associazioni

E’ previsto dall’articolo 19 dello Statuto: vi si possono iscrivere tutte le associazioni che operano sul territorio regionale per perseguire finalità di interesse generale. L’iscrizione all’Albo permette alle associazioni di partecipare - come previsto dal Regolamento interno dell’Assemblea legislativa - al procedimento legislativo e alla definizione degli indirizzi politici e programmatici di competenza dell’Assemblea, in primo luogo con l’invito a essere presenti alle audizioni conoscitive organizzate dalle Commissioni per raccogliere proposte e osservazioni sugli atti in esame. L’Albo viene aggiornato ogni semestre, le modalità per farne parte si trovano sul portale dell’Assemblea legislativa.


 

Convalida degli eletti

Adempimento che a norma di Regolamento spetta all’Assemblea legislativa: consiste nella verifica dell’insussistenza di cause di incandidabilità, ineleggibilità e incompatibilità dei Consiglieri regionali.


Elettorato

Si suddivide in attivo e passivo.

Elettorato attivo: le persone che godono della capacità di esprimere il proprio voto in occasione delle elezioni. Sono elettori tutti i cittadini italiani maggiorenni, residenti in un Comune del territorio nazionale e iscritti nelle liste elettorali del Comune stesso.

Elettorato passivo: le persone che oltre ad essere elettori possono anche ricoprire una carica elettiva, per esempio quella di Consigliere regionale.


Garanti

Il Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenzaè impegnato nella piena attuazione dei diritti e degli interessi sia individuali che collettivi dei minori. La legge regionale ne stabilisce l'indipendenza e il raccordo istituzionale con analoghi organismi nazionali e internazionali.

Il Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale tutela i diritti e la dignità delle persone adulte e minori ristrette negli Istituti di pena a livello regionale, ammesse a misure alternative alla detenzione o sottoposte a procedimento penale.

 


Ineleggibilità e incompatibilità

La prima è la condizione che se posseduta da un candidato può condizionarne la libera decisione di voto o violare la parità di accesso alle cariche elettive: per potersi candidare è quindi necessario rimuovere tali cause.

La seconda individua le funzioni e/o professioni che sono incompatibili con una carica elettiva, in quanto l’esercizio contemporaneo di tali funzioni potrebbe pregiudicare il buon andamento o l’imparzialità dell’ente in cui si è eletti.


Maggioranze

Sono costituite dal numero di voti necessari ad approvare un atto o un provvedimento. Sono di tre tipi:

  • assoluta: la metà più uno degli aventi diritto al voto, calcolando anche gli assenti e gli astenuti;
  • semplice: la metà più dei voti espressi dai presenti;
  • qualificata: il numero di voti necessario affinché una votazione sia valida; per esempio, i due terzi degli aventi diritto o dei presenti.

Norma giuridica

Regola di condotta imposta dallo Stato, finalizzata a regolare i comportamenti per garantire ad ogni individuo una pacifica convivenza sociale.


Numeri dell'Assemblea

L’Assemblea legislativa pubblica e aggiorna i numeri che ne sintetizzano l’attività e le spese.

Nella sezione del portale dedicata all’’Amministrazione trasparente’, è possibile conoscere, fra i tanti dati, le indennità dei Consiglieri, il numero delle leggi presentate e di quelle approvate, le nomine e gli incarichi, i dirigenti e i relativi compensi e altre notizie relative a mozioni, interrogazioni e interpellanze.

Qualità della legislazione

L’Assemblea legislativa valuta l’impatto e monitora gli effetti che una Legge produce sulla comunità regionale (clausola valutativa); a tal fine vengono prodotte periodicamente pubblicazioni di rendicontazione.


Relatore

E’ il Consigliere regionale referente di un determinato progetto di legge. Viene nominato dalla Commissione assembleare competente nel momento in cui il progetto di legge viene assegnato alla Commissione stessa. Il suo nome è immediatamente comunicato all'Ufficio di Presidenza, a tutti i consiglieri e alla Giunta.

Il relatore ha il compito di istruire e seguire l’iter complessivo del progetto di legge; può proporre la convocazione di un’udienza conoscitiva e/o l’indizione dell'istruttoria pubblica, nelle forme previste dallo Statuto; riceve gli emendamenti presentati dai consiglieri e dalla Giunta.

Oltre al relatore di maggioranza, espressione dei Gruppi che sostengono la Giunta regionale, la Commissione può nominare un relatore di minoranza.


u.jpgUdienza conoscitiva

Lo Statuto prevede che le Commissioni possano convocare pubbliche udienze per approfondire la conoscenza di materie concernenti leggi o regolamenti, proposte di legge alle Camere e piani annuali e poliennali e atti amministrativi rilevanti. I soggetti che possono partecipare alle udienze conoscitive sono riuniti nell’Albo delle associazioni.

In quella sede, il relatore o la Giunta illustrano il progetto di legge oggetto di consultazione; gli invitati hanno facoltà di intervenire e di consegnare alla Commissione interventi, relazioni scritte, osservazioni e proposte.

Wi-Fi

In Assemblea legislativa è possibile collegarsi alla rete via Wi-Fi sia nella sede centrale di viale Aldo Moro 50, a Bologna, che negli uffici del Comitato regionale per le comunicazioni (Corecom), al numero 44 sempre di viale Aldo Moro, e presso la Biblioteca.

All’esterno degli edifici, per un raggio di circa 300 metri, è attiva una connessione Wi-Fi gratuita e senza limiti di tempo: per connettersi, è richiesta la registrazione al banco informazioni della Biblioteca.


Bando di gara

È lo strumento utilizzato da una Pubblica amministrazione quando intende far svolgere all’esterno un lavoro o un servizio.

I contenuti e le forme di pubblicazione del bando sono definiti da una legge dello Stato. Sul portale web dell’Assemblea legislativa è possibile consultare tutti i bandi pubblicati dall’Assemblea stessa.

 

Bilancio preventivo

È il documento con il quale la Regione definisce le principali scelte politiche, programma l’utilizzo delle risorse disponibili e la destinazione dei finanziamenti. Il Bilancio è predisposto dalla Giunta ed esaminato, discusso e approvato in Assemblea legislativa.

All’interno del bilancio preventivo regionale, vi è una sezione riservata all’Assemblea legislativa, che definisce in autonomia come e a quali scopi utilizzerà le risorse assegnate.


Difesa civica

Il Difensore civico tutela i diritti dei cittadini ricevendo i loro esposti e vigila sul buon andamento e l’imparzialità della pubblica amministrazione, secondo i criteri di legalità, trasparenza, efficienza, efficacia ed equità.

Organo autonomo e indipendente, il Difensore civico interviene a fronte di un reclamo (ad esempio per ritardi o disservizi), ascolta il cittadino, esamina la documentazione disponibile e interpella l’Ente, che per legge è tenuto a rispondere.

Dopo avere analizzato la pratica e richiesto i chiarimenti necessari, esprime un parere motivato per chiarire al cittadino l’azione dell’Ente, o per suggerire all’ente una diversa soluzione.

L’intervento del Difensore civico è completamente gratuito e può essere richiesto senza particolari formalità sia dai cittadini singoli che da associazioni, comitati, organismi di tutela, ecc.

Il Difensore civico può intervenire in tutte le questioni che riguardano la Regione Emilia-Romagna, le Province, i Comuni, gli uffici dello Stato e i servizi pubblici, come energia elettrica, gas e luce.


Formazione

Costituisce un impegno costante dell’Assemblea legislativa, nell’ambito delle politiche di sviluppo del personale; è finalizzata alla promozione e sostegno dell’innovazione del lavoro regionale e dello sviluppo organizzativo, con particolare riferimento ai progetti e alle azioni volte ad accrescere la professionalità dei dipendenti, di tutte le categorie, garantendo a ognuno le medesime opportunità di partecipazione.

Viene predisposto annualmente un piano formativo rivolto a tutti i dipendenti dell’Assemblea legislativa.

 


Legislatura

Fissata da una legge dello Stato in cinque anni, la legislatura è il periodo di tempo in cui, di norma, rimane in carica il Presidente della Regione eletto dai cittadini, così come l’Assemblea legislativa che scaturisce dalle elezioni regionali.

L’Assemblea legislativa può essere sciolta prima della sua scadenza naturale in alcuni, precisi casi:

  • per atti commessi contro la Costituzione o gravi violazioni di legge;
  • per ragioni di sicurezza nazionale;
  • per la decadenza del Presidente della Regione;
  • per le dimissioni della maggioranza dei Consiglieri regionali.

Ordine del giorno

E’ l’elenco degli argomenti e il loro ordine di trattazione nel corso di una seduta dell’Assemblea legislativa.

Viene deliberato dall’Ufficio di Presidenza, sentiti i Presidenti dei Gruppi assembleari e il Presidente della Giunta.


Programmi di attività

Entro il 31 dicembre di ciascun anno, l’Ufficio di Presidenza delibera i programmi di attività delle strutture consiliari per l’anno successivo sulla base delle proposte formulate dai dirigenti responsabili, ciascuno per il proprio ambito di competenza. I programmi di attività indicano, per ciascun servizio, le finalità e gli obiettivi che si intendono perseguire, le azioni richieste per il loro raggiungimento e le risorse finanziarie necessarie, determinate sulla base del bilancio di previsione deliberato dal Consiglio.


 

 

s.jpg

Streaming

Attraverso lo streaming (trasmissione in diretta sul web di eventi), sul proprio portale l’Assemblea legislativa trasmette in tempo reale tutte le sedute d’Aula e anche le sedute di Commissione ogni qualvolta viene richiesto dall’Ufficio di Presidenza della Commissione interessata.


s.jpg

Trasparenza

Ogni ente pubblico deve rendere disponibili tutti i dati sulla propria attività. Sul proprio portale, l’Assemblea legislativa pubblica nella sezione “Amministrazione trasparente” i numeri, le informazioni e i documenti previsti dalla normativa, con particolare riferimento al Decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013 ("Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicazione, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni").

In particolare, all’interno della sezione si trovano i dati su indennità, rendiconti dei Gruppi, organigrammi, bandi e gare, bilancio e procedimenti amministrativi, società partecipate e incarichi.

Una forma di trasparenza viene inoltre garantita dalla diffusione in streaming delle sedute dell’Assemblea legislativa.


Votazione

Nelle sedute dell’Assemblea legislativa, i voti sono di solito espressi in forma palese, per alzata di mano, per appello o attraverso il voto elettronico.

Vengono espressi con modalità segreta attraverso l’utilizzo di apposite schede esclusivamente se la votazione riguarda una persona.

I consiglieri scrutatori e i questori collaborano con i segretari per assicurare la regolarità delle operazioni di voto.


Azioni sul documento