Al via le domande per la selezione e la formazione dei tutori volontari

30.08.2017

Al via le domande per la selezione e la formazione in Emilia-Romagna dei soggetti idonei a svolgere la funzione di tutori volontari di minori stranieri non accompagnati. La Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenzaClede Maria Garavini, ha attivato la procedura prevista dalla legge nazionale 47 del 2017 attraverso la presentazione di un avviso pubblico (pdf, 217.6 KB).

L’avviso fornisce indicazioni precise e dettagliate sui requisiti previsti per la presentazione della domanda oltre che sulla procedura che sarà seguita per la selezione degli aspiranti tutori. In particolare, ha spiegato la Garante, “abbiamo pensato a un modello formativo mirato e multidisciplinare, in grado di fornire strumenti culturali e conoscitivi adeguati: l’obiettivo non è quello di creare un professionista della tutela legale, ma una persona qualificata che abbia le conoscenze per adempiere ai suoi doveri con responsabilità, efficienza e, soprattutto, appropriatezza relazionale”. La formazione offerta sarà quindi organizzata prevedendo, oltre ai percorsi articolati territorialmente, anche incontri di approfondimento tematico per garantire una supervisione, un aggiornamento permanente e un confronto esperienziale utile per affrontare le situazioni più complesse.

Per Garavini, infatti, a partire dalla motivazione e dalla sensibilità a svolgere funzioni nel superiore interesse del minore, “il tutore volontario dovrà instaurare innanzitutto un rapporto affettivo e di sostegno educativo per poter attuare con efficacia i suoi compiti”.

L’attivazione del bando risulta in continuità con le azioni già assunte sullo stesso tema, quali il protocollo d’intesa tra il Garante e il presidente del Tribunale per i minorenni di Bologna, Giuseppe Spadaro, e i diversi incontri di promozione della legge.

Tutte le informazioni relative all’avviso e alla domanda sono reperibili QUI.

Azioni sul documento