Le segnalazioni

Per garantire la piena protezione dei diritti dei bambini e dei ragazzi presenti sul territorio regionale, la Garante può agire sia direttamente che su segnalazione da parte di soggetti terzi, comprese le persone di minore età.

La Garante infatti:

  • da un lato, accoglie le segnalazioni da parte di cittadini, anche di minore età, dalle famiglie, dalle scuole, da associazioni ed enti su casi di presunta violazione dei diritti dei fanciulli;
  • dall’altro, in base alla legge istitutiva, interviene anche d’ufficio, se possibile in accordo con la famiglia.

 

La legge istitutiva prevede inoltre la possibilità per il Garante di inviare sollecitazioni e raccomandazioni agli enti e alle amministrazioni del territorio per segnalare eventuali fattori di rischio o di danno e raccomandare l’adozione di interventi di aiuto o sostegno. Il Garante può inoltre sollecitarne l’intervento in caso di condotte omissive.

La Garante può intervenire nei procedimenti amministrativi delle amministrazioni interessate, prendere in visione gli atti del procedimento e presentare memorie scritte e documenti.

Azioni sul documento