Saperi professionali

L’interesse delle persone di minore età coincide con il loro benessere e istituzioni e organizzazioni che si occupano di bambine/i e adolescenti hanno il dovere di assicurare loro protezione e cura del benessere. Va da sé che la formazione dei professionisti, i loro saperi ed il loro saper essere e saper fare ha un ruolo fondamentale.

Come viene interpretato e declinato l'interesse superiore del minore? In particolare, come viene tradotto in programmi e attività dai vari servizi sociali, educativi e sanitari...?

E' sulla risposta a questa domanda che la Garante intende lavorare in collaborazione con scuole superiori, università, corsi post-laurea e ordini professionali. Dall’analisi dei diversi piani formativi emergono infatti assenze e carenze non solo nell’ambito giuridico (diritto minorile), ma anche nelle scienze sociali, pedagogiche, psicologiche ed educative. In particolare occorre tenere ben presente le caratteristiche delle fasi evolutive e, nello specifico, i periodi dello sviluppo (nascita /prime relazioni madre/figlio/padre ed adolescenza) durante i quali va salvaguardata in particolar modo la qualità dei rapporti personali e sociali per prevenire psicopatologie che compiono il loro percorso strutturante proprio in queste età. L’attenzione va inoltre indirizzata ai percorsi di formazione continua alle professionalità che operano nella scuola, nella giustizia, nei servizi sociali, sanitari.

Altrettanto importante è la promozione di competenze specifiche all’ascolto delle persone di minore età e ad esplorare i loro molteplici contributi, sia per le azioni da compiere che per le decisioni da assumere nei diversi contesti di vita.

Azioni sul documento