Riparto degli spazi di comunicazione politica in campagna elettorale (MAG)

ultimo aggiornamento: 3 luglio 2017

In occasione di consultazioni elettorali o referendarie, il Corecom ha il compito di regolare la messa in onda sulle emittenti radiotelevisive locali dei messaggi politici autogestiti gratuiti (MAG) con cui le forze politiche presentano agli elettori, non in contraddittorio, candidati, liste e programmi elettorali.

Le emittenti che si rendono disponibili alla messa in onda dei messaggi, hanno diritto ad un rimborso da parte dello Stato, nella misura stabilita ogni anno dal Ministero dello Sviluppo Economico-Comunicazioni, d'intesa con il Ministero dell'Economia e delle Finanze.

Il Corecom fissa il numero complessivo dei messaggi autogestiti e la loro ripartizione fra i soggetti politici richiedenti; stabilisce, per sorteggio, l’ordine di messa in onda all’interno dei palinsesti radiotelevisivi; rendiconta al Ministero i rimborsi spettanti alle emittenti radiotelevisive che li hanno trasmessi.

Norme di riferimento

Le principali norme che regolano l'attività sono:

Legge 28/2000 come modificata dalla Legge 313/2003

freccia_corecom.jpg

Chi può rivolgersi al Corecom: tutti i soggetti politici che partecipano ad una competizione elettorale.
Quando: in occasione di elezioni o referendum.
Costi: nessuno
A chi rivolgersi: Area Controllo dei Media - tel. 051.527 6308

Azioni sul documento