Il progetto

Il percorso progettuale conCittadini, rivolto alle Scuole, agli Enti Locali, alle associazioni e istituzioni del territorio emiliano-romagnolo, propone alle realtà giovanili organizzate e strutturate, nonchè agli adulti interessati, di aderire a forme di incontro e scambio con le Istituzioni locali e regionali.

HOME PAGE

logo conCittadini - 2015Fra le molte definizioni che possono definire conCittadini una rappresenta forse quella più consona, quella più prossima alla realtà, che fa di conCittadini stesso un’occasione.

conCittadini è, infatti, un’insieme di opportunità pensate ed offerte al fine di:

  • favorire la conoscenza dell’Assemblea legislativa in quanto parlamento più prossimo ai cittadini.
  • gestire iniziative, eventi che siano occasioni di incontro e scambio fra l’Assemblea legislativa ed i cittadini, siano essi giovani e adulti, sulle tematiche che attengono al mondo delle regole, alla democrazia partecipata e alla cittadinanza nel suo complesso.
  • alimentare la relazione fra l’Assemblea legislativa ed il mondo istituzionale regionale nel contesto di un impegno comune sui temi della partecipazione, della democrazia, delle regole.

L’idea che sta alla base dello sviluppo di conCittadini trae origine dalla condivisione di piste di lavoro e dalla sperimentazione di percorsi gestiti nella continua relazione con il mondo scolastico e con le altre realtà istituzionali che qualificano il vivere di comunità sul territorio.

Questa filosofia ha consentito di modellare questo percorso in continua sintonia con le evoluzioni offerte e suggerite dalla relazione con i soggetti interessati, pur nella piena aderenza agli scopi e al ruolo che sono propri di un parlamento regionale.

La strada fin qui seguita ha, quindi, privilegiato una presenza dell’Assemblea sul territorio e un sostegno ai soggetti interessati ad una relazione con essa, che si è esercitato nella messa a disposizione di strumenti e di supporti di natura tecnica, in una modellizzazione dello scambio formulata sulla base delle esigenze e con la creazione di momenti concreti di incontro con i referenti politici e istituzionali.

Questo approccio ha consentito di consolidare la rete di relazioni e di ampliarne i confini anche attraverso la disponibilità ad accompagnare sui temi dell’educazione alla cittadinanza, le realtà di nuovo ingresso. In questo senso, l'edizione 2015-2016 viene arricchita dalla partecipazione, come partner promotori, dell'Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia-Romagna e dell'Università di Bologna, in particolare del Centro Internazionale di Didattica della Storia e del Patrimonio (DiPaSt) del Dipartimento di Scienze dell'educazione.

Inoltre, i temi di lavoro e le piste di ricerca individuati per quest'anno sono: Memoria, Diritti, Legalità, Patrimonio.

Ricerca e documentazione

Tesi di laurea di Chiara Imbrogiano dal titolo "La didattica del passato per il progresso educativo futuro", relatore Prof. Rolando Dondarini - Alma Mater Studiorum Università di Bologna - Scuola di Psicologia e Scienze della formazione - Corso di laurea in Educatore Sociale e Culturale

L'obiettivo dichiarato di questa ricerca, oltre a quello di elencare istituzioni scolastiche e progetti che combattono giornalmente per assicurare un modo diverso di essere persone, di essere cittadini capaci di abitare questa società con lo scopo di migliorarla, di farla avanzare, consiste nell'affrontare il tema dell'educazione in maniera critica, consapevole ed attiva, seguendo tre filoni principali: memoria, diritto e legalità di cui si occupa la rete di progetti “conCittadini” dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna.

Azioni sul documento
Pubblicato il 08/10/2012 ultima modifica 08/10/2012
Strumenti personali

Servizio Documentazione, Europa, Cittadinanza attiva - Viale Aldo Moro, 50 - 40127 Bologna