Giurisprudenza della Corte costituzionale
23/07/2017

Sentenza Corte costituzionale n. 172/2017 - Sicurezza pubblica

Norme della Regione Liguria - Interventi in favore delle vittime di criminalità - Patrocinio a spese della Regione nei procedimenti penali per la difesa dei cittadini, vittime di un delitto contro il patrimonio o contro la persona. Dispositivo: illegittimità costituzionale
15/05/2017

Sentenza Corte costituzionale n. 81 - Bilancio e contabilità pubblica

Norme della Regione Veneto - Istituzione del "Fondo regionale per il patrocinio legale gratuito a sostegno dei cittadini veneti colpiti dalla criminalità"; Istituzione del "Fondo regionale per il patrocinio legale ed il sostegno alle spese mediche degli addetti delle Polizie locali e delle Forze dell'ordine". Dispositivo: illegittimità costituzionale
13/02/2017

Sentenza Corte costituzionale n. 32/2017 - Enti locali

Norme del decreto-legge 19/06/2015, n. 78 (Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali), convertito, con modificazioni, dalla legge n. 125/2015 - Ricorso promosso dalla Regione Veneto - Misure in materia di polizia provinciale - Transito del personale di polizia provinciale nei ruoli degli enti locali per lo svolgimento delle funzioni di polizia municipale. Dispositivo: non fondatezza - inammissibilità
16/08/2016

Sentenza Corte costituzionale n. 175/2016 - Mafia e criminalità organizzata

Norme della Regione Puglia - Collocamento obbligatorio delle vittime della mafia, della criminalità organizzata, del terrorismo e del dovere - Estensione della platea dei beneficiari del collocamento obbligatorio anche ai conviventi more uxorio e ai genitori - Collocamento obbligatorio attuato anche dagli enti e dalle agenzie «istituiti o comunque dipendenti o controllati dalla Regione Puglia», dalle «società di capitale dalla stessa interamente partecipate» e dalle «aziende e unità sanitarie locali». Dispositivo: illegittimità costituzionale parziale - non fondatezza
07/01/2016

Ordinanza Corte costituzionale n. 265/2015 - Mafia e criminalità organizzata

Norme della Regione siciliana - Benefici in favore delle vittime di mafia e loro familiari - Estensione ai testimoni di giustizia e al rispettivo figlio. Dispositivo: improcedibile
11/03/2014

Ordinanza Corte costituzionale n. 38/2014 - Sicurezza pubblica

Norme della Regione Campania - Misure di prevenzione e di contrasto alla violenza di genere - Previsione che la Regione coordini gli interventi volti alla tutela e al sostegno delle persone soggette alla violenza di genere, in collaborazione, tra gli altri, con la Procura della Repubblica, le forze dell'ordine, l'amministrazione penitenziaria; Istituzione e compiti dei Centri antiviolenza; Promozione di corsi di formazione rivolti anche agli operatori delle forze dell'ordine. Dispositivo: estinzione del processo
08/11/2013

Sentenza Corte costituzionale n. 259/2013 - Mafia e criminalità organizzata

Norme della Regione Umbria - Previsione che la Giunta regionale adotti, con proprio atto, misure e criteri per l'attribuzione alle imprese, individuali o collettive, vittime di reati di mafia e di criminalità organizzata, di posizioni preferenziali nei bandi per la concessione di finanziamenti pubblici - Potestà della Giunta regionale di adottare «posizioni preferenziali» per le imprese come sopra individuate nei bandi per l’affidamento di contratti con la Regione e con gli enti, aziende e società regionali, nonché per l’affidamento in via prioritaria di contratti di cottimo fiduciario. Dispositivo: illegittimità costituzionale - illegittimità costituzionale parziale - inammissibilità
25/01/2013

Sentenza n. 234/2012 - Demanio e patrimonio dello Stato e delle Regioni

Norme del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione) - Ricorso promosso dalla Regione siciliana - Procedimento di assegnazione dei beni oggetto di confisca definitiva di prevenzione - Acquisizione al patrimonio dello Stato - Denunciato contrasto con lo statuto regionale che per alcuni beni espressamente indicati (miniere, cave e torbiere, cose d'interesse storico, archeologico, paleontologico e artistico) identifica immediatamente nella Regione l'Ente al quale la proprietà è attribuita; Assegnazione e modalità di gestione dei beni immobili sottratti alla criminalità organizzata; Procedimento di destinazione dei beni confiscati - Denunciata mancata previsione del coinvolgimento delle Regioni in ordine alla destinazione dei beni siti nel loro territorio ai fini del bilanciamento dell'interesse dello Stato proprietario con quello della collettività direttamente danneggiata dal fenomeno criminale. Dispositivo: non fondatezza

Azioni sul documento