Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Il sito ufficiale dell’Assemblea legislativa

Sezioni

Maltempo. In commissione Territorio fuoco di fila contro gestori elettrici e di trasporto per black out novembre/ 3

Le aziende: “I disservizi causati dalle piante cadute”.

07/12/2017 20:19

Un’audizione, quella odierna in commissione Ambienteterritorio e mobilità (presieduta da Manuela Rontini) che ha visto la maggior parte delle aziende parlare di “disservizi causati dalla caduta degli alberi”. Cedimenti dovuti alle “chiome folte” e alla “neve pesante perché ricca d’acqua”. Crolli che in alcuni casi hanno interrotto le linee elettriche, altre quelle ferroviarie, altre ancora quelle stradali (soprattutto a Bologna).

Debora Stefani di Enel ha fornito i dati dei danni subiti durante la nevicata del 13 novembre: “Dei 125 guasti avvenuti in provincia di Bologna 119 sono stati causati da piante fuori fascia mentre dei 45 della provincia di Modena e Reggio Emilia ben 38 sono dovuti agli alberi”. Problema che Terna non ha avuto, come ha sottolineato Paolo Paternò in quanto “l’alta tensione ha tralicci più alti” e quindi le piante non riescono ad arrivare ai cavi. Sono stati invece i manicotti di ghiaccio a mettere ko due centrali “per poche ore che nel complesso servivano circa 800 persone”.

Per Hera invece sono intervenuti Stefano Pelliconi e Francesco Maffini spiegando che i disagi “causati dalle piante cadute e dai manicotti di ghiaccio hanno portato problematiche per cinque comuni dell’Imolese e 21 del Modenese”. Questo per quanto riguarda la gestione energetica. Mentre per quella idrica i disservizi hanno riguardato “100 impianti nel Bolognese e 20 nel Modenese”.

Michele Renzi di autostrade per l’Italia ha invece spiegato che “è stato attuato un protocollo già definito nel tempo. Abbiamo anche anticipato l’ordinanza dell’obbligo di circolazione con le gomme invernali. Abbiamo attivato il codice rosso per l’A14, l’A1 e la variante di valico. Attuato anche il procedimento di accumulo dei mezzi pesanti per migliorare la viabilità”.

Luca Cavicchioli e Giuseppe Marta, per Rfi hanno ricordato le criticità maggiori avute durante la giornata di neve: “Hanno riguardato due tratte: la Bologna-Pistoia e la Bologna-Prato”. La causa?. “Le piante cadute”. Davide Diversi di Trenitalia ha invece sottolineato come “delle 80 cancellazioni avvenute quel giorno, solo una era dovuta a problemi del materiale rotabile. Sulla Porrettana un treno è stato investito da un albero. Mentre lo sgombero della Bologna-Prato è stato difficoltoso ed ha generato le cancellazioni”. Tper ha invece avuto “29 soppressioni”, come ha spiegato Alex Genesini, “10 delle quali dovute al materiale rotabile”.

(Andrea Perini)

« Torna all'archivio

Azioni sul documento